wimax

Se siete interessati al Wi-Fi od al WiMAX, e vedete in queste tecnologie la possibilità di portare Internet là dove finora non è potuta arrivare, allora aiutateci: queste tecnologie stanno per esserci scippate dai soliti oligopolisti ed il nostro sogno di libertà potrebbe svanire in una nuvola di fumo.

Wi-Fi e Wi-MAX come strumento di libertà.
Fino ad oggi, per collegare un utente a Internet è sempre stato necessario stendere un cavo in rame (come quello del telefono) o in fibra ottica, che nel caso di enormi distanze dai principali punti di accesso, significa stendere chilometri di cavo e spendere cifre esorbitanti. Per questo motivo, quasi tutta la popolazione italiana che vive lontano dalle grandi città è sempre rimasta esclusa da questa tecnologia e da tutti i vantaggi che essa comporta (ad es. l’abbattimento dei costi di comunicazione voce che sono resi possibili dall’uso di sistemi VoIP come Skype o Gizmo).

La necessità di stendere cavi ha comunque creato dei problemi anche in città, perché comporta dei lavori di costo molto elevato (ottenere licenze, spaccare strade, stendere cavi, chiudere strade, etc.), in pratica tutti gli operatori, tranne Fastweb, si limitano a noleggiare i cavi esistenti da Telecom, che sapendo di agire in regime di monopolio fa i prezzi che vuole, a tutto svantaggio del mercato.

Una prima soluzione a questo problema è stato l’uso di sistemi Wi-Fi. Con questa tecnologia sono già state collegate ad Internet intere città, come San Francisco e Bologna, ed intere vallate, anche in Italia. Il Wi-Fi, tuttavia, soffre di limitazioni all’uso su distanze “geografiche” (oltre ca. 1km di distanza) e su bacini di utenza di dimensioni “metropolitane” (una piccola cittadina).

L’evoluzione del Wi-Fi nella direzione delle applicazioni “geografiche” e “metropolitane” è un nuovo standard noto come Wi-MAX. Quest’ultimo permette di coprire una intera vallata alpina con un singolo ripetitore e di accontentare tutti i suoi abitanti. Sfortunatamente, le frequenze usate da Wi-MAX sono di proprietà dell’esercito e solo a Dicembre 2006 si è raggiunto un accordo per liberalizzarle. Ora si pensa di assegnarle agli operatori commerciali con delle aste pubbliche molto simili a quelle usate per assegnare le frequenze dell’UMTS.

Perché le aste sono una idea sbagliata?
Il caso UMTS ha reso evidente il motivo per cui mettere all’asta le frequenze è una pessima idea: gli alti costi dell’asta devono poi essere scaricati sull’utente finale e trasformano in un prodotto di lusso, accessibile a pochi privilegiati, quella che avrebbe dovuto essere una soluzione tecnica destinata ad abbattere i costi di connessione ed a favorire i meno abbienti. Non solo, questa situazione esclude dal mercato i piccoli operatori e, di conseguenza, rinforza ulteriormente la posizione di mercato ed i privilegi delle grandi aziende del settore.

Nonostante le aste siano un’idea palesemente sbagliata, è molto probabile che venga intrapresa questa strada per assegnare le frequenze Wi-MAX. Il motivo è ovvio: se si liberalizzasse l’accesso alle frequenze del Wi-MAX, chiunque, con pochi soldi, potrebbe fare concorrenza alle grandi aziende che operano nel settore della telefonia, che usano lo standard UMTS. Queste aziende hanno pagato decine di milioni di euro per avere quelle frequenze e non vogliono certo vedersi rubare il mercato dai primi arrivati. A questo punto, è chiaro che gli interessi di queste aziende sono palesemente in contrasto con gli interessi della comunità e dei consumatori. Di conseguenza, è necessario far sentire la propria voce per impedire che, ancora una volta, sia il più debole a dover soccombere.

Una modesta proposta.
Una soluzione corretta ed intelligente al problema delle assegnazione delle frequenze esiste da tempo ed è già usata nella vita quotidiana: è la stessa soluzione legale usata per evitare la proliferazione delle antenne paraboliche sui tetti dei condomini. Come probabilmente saprete, la legge prevede che non si possa (non si potrebbe…) installare liberamente una antenna parabolica sul tetto del palazzo se già esiste un impianto analogo. La legge prevede che il secondo arrivato abbia il diritto a collegarsi all’antenna esistente a patto che non crei problemi al proprietario e che gli versi una parte della cifra spesa per l’installazione dell’antenna, diciamo il 50%.

Quando viene applicata al Wi-MAX, questa soluzione funziona nel modo seguente:
1. Il primo operatore che vuole coprire una certa area installa a sue spese l’antenna ed i ripetitori. Questi ripetitori usano una o più frequenze, scelte tra quelle disponibili.
2. Chi arriva per secondo, ha il diritto (per legge) di usare la stessa antenna, gli stessi ripetitori e le stesse frequenze per offrire lo stesso servizio ai suoi utenti. Ovviamente, è tenuto a pagare il 50% dei costi dell’antenna e dei ripetitori a chi l’ha installata. Il secondo arrivato è anche tenuto a non creare problemi a chi ha installato l’antenna ed i ripetitori. Di conseguenza, se il traffico che produce è tale da creare problemi, deve installare altri ripetitori a sue spese.
In questo modo è possibile servire una certa zona con una sola antenna, condivisa da più operatori, massimizzando lo sfruttamento delle frequenze e degli impianti, senza ricorrere a meccanismi di assegnazione di tipo economico (aste) che favorirebbero i più forti. La suddivisione del traffico tra i diversi operatori può avvenire a valle dell’antenna, sulla rete digitale, esattamente come avviene da tempo per la condivisione dello stesso cavo in rame tra i diversi operatori di telefonia.

Cosa fare?
Informatevi su questi temi. Maturate una vostra opinione. Diffondete le informazioni che avete raccolto e le opinioni che avete maturato. Solo la presenza di milioni di testimoni come voi, attenti e tecnicamente competenti, può costringere i nostri politici a rendere conto del loro operato e, di conseguenza, ad agire veramente nell’interesse della comunità e dei singoli cittadini/consumatori. Solo in questo modo si può evitare che vengano ulteriormente rafforzati i privilegi degli oligopolisti già esistenti.

Liberamente tratto da:
www.partito-pirata.it
su licenza Creative Commons Open





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.