Birra corner

Wild Beer Redwood

Qualche articolo fa scrivevo di come stia cambiando il gusto dei bevitori di birra in Italia ed anche piuttosto velocemente. Le birre a base di frumento, le ataviche Weiss, sono state sostituite dagli stili inglesi, più luppolati, con malti più nobili e profili aromatici più complessi. Nuove specie di luppolo, nuovi lieviti, cereali alternativi ai classici: una vera rivoluzione.

Ma non finisce qui. Ultimamente sembra abbia preso il sopravvento la frutta, con tutte le sue varianti: se messa in bollitura, rilascia torbidità, ma naturalmente perde i suoi lieviti (che muoiono se fatti bollire), e quindi lo sviluppo “funky” che una birra può guadagnare. Qualcuno mette invece la frutta in fermentazione, ossia nella fase finale, dove il lievito sta mangiando gli zuccheri ed in questo caso i batteri sulla buccia contribuiscono alla fermentazione, che sarà quindi “mista” e porterà ad aromi molto interessanti (funky, acidità, cantina).

Ne è un degno esempio la Redwood di Wild Beer. Nato nel Somerset, regione verdissima inglese, e circondato da frutteti, il birrificio isola i vari ceppi di lievito della frutta e li utilizza per fermentare. Nel caso della Redwood, la birra (con lieviti spontanei) viene messa in un barile di quercia per un anno assieme alla frutta. Macerando per mesi in un ambiente praticamente chiuso, sviluppa forti sapori di cuoio, legno, tannino, ed una acidità finale tipica da frutti di bosco. Una birra molto complessa, ma di facile bevuta. Cheers!

Michele Privitera
Titolare de “Il Pretesto Beershop” di Bologna





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.