Quest’anno ho avviato un ciclo di coltivazione di diversi strain utilizzando il mio solito set-up fatta eccezione per le fonti di luce. Per ridurre i costi elettrici ho deciso di acquistare due kit di lampade CMH, meglio conosciute come LEC. Si tratta di lampade da 315W.

Tra le varietà che decido di coltivare, mi entusiasmava molto l’idea di poter provare la Wedding Gelato proposta dalla RQS nella sezione USA Premium. Si tratta di un incrocio di due varietà tra le più popolari del momento: Wedding Cake incrociata con la Gelato 33, davvero due prestigiosi genitori. Da questa varietà mi aspettavo una pianta prevalentemente indica, bassa di struttura e mediamente produttiva, ma con una qualità di effetto, sapore e produzione di resina tra le più eccezionali mai provate.

Noto all’inizio una crescita lievemente più lenta rispetto agli altri strain che stavo coltivando. Le giovani Wedding Gelato mostravano all’inizio un colore verde intenso. Nelle settimane iniziali di crescita, dopo il travaso dei germogli nei vasi da 18 lt, ho iniziato ad irrigare con acqua, Regulator e Start Booster (Aptus) e appena dopo ho aggiunto un NPK base per la fase vegetativa. Le piante crescevano identiche nello sviluppo e nell’aspetto. Sottoposte a legatura (tecnica LST), rispondevano formando dei piccoli cespugli con pochi rami principali. Dopo 4 settimane di fase vegetativa a 18h, passavo alla fioritura diminuendo le ore di luce a 12.

I rami, apparentemente fragili, si fortificavano velocemente pronti per sorreggere le infiorescenze che si sarebbero sviluppate. I fiori infatti iniziavano a formarsi abbondanti e carichi di resina. Notavo appunto come fiori e foglie di questa varietà fossero di un intenso verde, inizialmente nonostante di piccole dimensioni, apparivano già quasi imbiancate dallo strato di resina. In questa fase aggiungevo prima fosforo, poi potassio e Top Booster (Aptus), oltre ad acido fulvico. Intorno alla quinta settimana di fioritura le cime si ingrossavano sviluppando delle bellissime sfumature viola, che coloravano le piante aggiungendosi allo strato argentato di resina e al verde intenso delle foglie.

Dopo la sesta settimana iniziavo ad aggiungere progressivamente potassio e diminuivo le dosi di fosforo. Questi sono i momenti essenziali per la piena maturazione delle infiorescenze. Raccoglievo alla nona settimana di fioritura. Dopo aver seccato le cime al buio con aria in entrata e uscita, ma senza ventilazione diretta per circa una dozzina di giorni, spostavo le cime nei barattoli ed aspettavo circa altri 5 giorni.

Aperto il barattolo vengo sopraffatto da un odore davvero particolare: avverto subito un chiaro e pungente odore diesel, e un odore molto balsamico con note di vaniglia, frutti di bosco e limone. Le cime verde scuro sono ricoperte di resina e presentano sfumature violacee, i fiori sono tra i più densi che abbia mai visto.

Passando alla fumata, sono colpito dal persistente sapore in bocca di gelato alla vaniglia. L’effetto è molto forte e da subito mi stordisce, ma dopo questo primo momento inizia una sensazione di benessere gradevolissima e uno stato di rilassamento molto piacevole. Inoltre noto come l’effetto non mi abbia lasciato nessuno strascico o pesantezza appena svanito.

In conclusione giudico l’esperienza con la Wedding Gelato molto positiva. Raramente ho coltivato una varietà dalle qualità così eccezionali per odore, sapore, aspetto del fiore e dal piacevole effetto mentale. Soprattutto sottolineo come queste piante si siano rivelate resistenti, non problematiche e dunque adatte anche ai grower meno esperti.

a cura di Resistenza Cannabica





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.