Cannabis

Water Hash: i consigli che nessuno ti dà

Alcuni suggerimenti per fare una delle estrazioni più amate in assoluto dai consumatori di hashish

Procedimento estrazione hashish

Come suggerisce il nome, per fare il water hash si utilizza acqua con ghiaccio: il freddo separa la resina dalla parte vegetale e l’acqua la trasporta letteralmente attraverso delle sacche apposite dotate di maglie sottili atte al filtraggio. È dunque un’estrazione solventless, ovvero che non prevede l’utilizzo di gas, bombole o fiamme e quindi è anche sicura e fattibile in casa.

Senza soffermarci troppo sul procedimento in sé, sul quale si trovano già molte informazioni online, concentriamoci sulle piccole cose che fanno la differenza e che spesso non vengono menzionate.

MATERIALE DI PARTENZA

Per prima cosa scegliamo genetiche con una buona resina, stabili, con tricomi grossi e tagliamo le piante quando questi ultimi sono all’apice del loro sviluppo (color trasparente/latteo) e mai quando sono già ambrati o in avanzato stato di degradazione. 

AMBIENTE

Scegliere una stanza che sia prima di tutto dotata di condizionatore e chiaramente pulita. Il condizionatore d’aria è fondamentale per poter lavorare con una temperatura che non superi i 15°, sembra un dettaglio da pignoli ma da qui parte la cosiddetta “catena del freddo”, che creiamo e che non va mai spezzata. Per catena del freddo si intende il mantenimento costante della temperatura evitando qualunque tipo di calore, sia quello della stanza in cui lavoriamo sia quello emesso dalle nostre mani per esempio, per non alterare il materiale che stiamo processando.

STRUMENTI NECESSARI

Classiche sacche da ice, secchi di plastica, carta forno, colino, cucchiaio d’acciaio o grattugia microplane e tanto ghiaccio. Scegliete voi in base al budget quale marca di bags scegliere e secondo il proprio gusto quale usare in base ai micron, dalla più grande di 220 micron alla più piccola di 25. 

I secchi in plastica devono avere un diametro che permette di inserire le sacche. Servirà anche una lavatrice da campeggio o un remo da gommone. Personalmente consiglio il remo perché si può decidere con che intensità girare, cosa molto importante perché più velocemente e a lungo si gira più ice si stacca, ma al contempo si abbassa anche la qualità. Quindi il trucco sta nel fare una prima “lavata” girando per 5/6 minuti (se il materiale è fresh anche qualche minuto in più) e molto lentamente in modo da avere una “first pull” senza contaminazione vegetale; una seconda da 8/10 minuti e una terza e quarta da 10/15 minuti e con un giro più veloce in modo da recuperare tutta la resina possibile.

TEMPERATURA DELL’ACQUA

La temperatura dell’acqua non deve superare i 4 C° per tutta la durata del procedimento e quindi prima di iniziare, la temperatura deve stare sotto lo zero perché poi iniziando a girare si alzerà sicuramente sopra i 4 C°. Anche l’acqua che spruzziamo per raccogliere la resina rimasta sulle pareti della sacca deve essere freddissima. Questo passaggio è fondamentale per evitare che il materiale utilizzato (cime e/o trim) rilasci troppa clorofilla che andrebbe ad alterare le proprietà organolettiche del nostro water hash, colore compreso. 

A che servono colino e grattugia? Visto che in casa probabilmente nessuno ha il freez dryer, liofilizzatore professionale per seccare l’ice, li utilizziamo come sostituti dato che la resina è letteralmente zuppa d’acqua e che, se la mettiamo a seccare senza liofilizzatore, l’umidità resterà dentro e rovinerà totalmente il sapore e l’odore. Va quindi grattugiato con un colino in metallo a maglia fine con l’aiuto di un cucchiaio o con una grattugia microplane. Per evitare che si attacchi ovunque ovviamente va congelato, prima di essere grattugiato, insieme agli strumenti proprio per evitare di spezzare la famosa catena del freddo.

L’ultima parte è la più delicata e anche la decisiva: l’essicazione. Una volta grattugiato andrebbe seccato in un ambiente molto freddo e secco. Senza liofilizzatore sicuramente è più difficile, ma con un po’ di ingegno e puntando sul freddo potrete ottenere un risultato da veri hashmaker.

a cura di Hilde Cinnamon
Grower residente a Barcellona. Ha un cultivo, un’associazione cannabica e una selezione di genetiche più che rispettabile. Instagram: @hilde.cinnamon

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button