Antiproibizionismo

Sotto processo per aver coltivato cannabis per curarsi: “Sono già incarcerato in un corpo, ma dove vado più?”

Sotto processo per aver coltivato cannabis per curarsi: "Sono già incarcerato in un corpo, ma dove vado più?"
“Sono già incarcerato dentro un corpo, ma dove vado più?”. Walter, in questa video intervista con Dolce Vita, sdrammatizza la situazione, che però è più seria che mai.

Si trova infatti sotto processo per coltivazione di sostanze stupefacenti in concorso, e rischia fino a 6 anni di carcere. Nel frattempo, grazie alle campagne di Meglio legale, è partita una grande mobilitazione civile. Prima con il video-appello al Presidente Mattarella, poi con la disobbedienza civile di Riccardo Magi che gli ha consegnato la cannabis che aveva coltivato in occasione di “Iocoltivo”, prima di andare ad autodenunciarsi Inn questura, e poi con una staffetta di digiuni da parte di diverse realtà antiproibizioniste. Tutto questo non è bastato ad evitargli il processo, ma ha portato ad una nuova battaglia.

In questi giorni, in Commissione giustizia, si discute della modifica del testo unico sugli stupefacenti. Da una parte la proposta della Lega che vorrebbe l’arresto immediato in caso di flagranza e l’aumento delle pene, dall’altra la proposta a prima di firma di Riccardo Magi, sostenuta dai membri di ben 5 partiti in Commissione (PD, Italia Viva, M5S, Più Europa/Radicali, Facciamo Eco) che vorrebbe la legalizzazione dell’autoproduzione di cannabis, che potrebbero avere la maggioranza in Commissione per fare approvare la legge, per i pazienti, ma per i consumatori più in generale, togliendo una bella fetta di mercato alle mafie.

“Nel mio cuore e nella mia coscienza, ho agito nel giusto”, racconta Walter riguardo alla cannabis che aveva coltivato per curarsi sottolineando che: “Per fortuna ce l’abbiamo fatta ad aprire un canale, e voi venitemi dietro!”. Il riferimento è all’appello per la legge sull’autoproduzione, che è possibile firmare dal sito www.iocoltivo.eu.

Noi stiamo con Walter, e voi?

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button