uno degli articoli bufala pubblicati su resistenza nazionale

uno degli articoli bufala pubblicati su resistenza nazionale

Esiste una rete organizzata, probabilmente gestita da un unico personaggio che si nasconde dietro a un nickname, che gestisce sei pagine facebook e quattro siti con un unico obiettivo: generare contenuti falsi con l’obiettivo di fomentare l’odio razziale verso migranti e rifugiati. E’ ciò che hanno concluso in un dossier consegnato al Tribunale di Bologna i siti antibufale bufale.net e butac.it. I siti incriminati sono Resistenzanazionale.com, Identità.com, Tuttiicriminidegliimmigrati.com e Voxnews.info.

Secondo quanto dichiarato dai due siti antibufale autori delle denunce, “in piena consapevolezza delle potenzialità degli strumenti disponibili online, e della possibilità di monetizzazione, negli ultimi anni è stata creata una vera e propria struttura di propaganda digitale sotto forma di Siti Web e pagine Facebook con il chiaro obiettivo di generare terrore, indignazione e odio razziale, religioso e sessuale, a sostegno della “salvaguardia della razza bianca italiana”, della “salvaguardia del sangue italiano” e contro ogni forma di integrazione e “meticciazione” tra italiani e non italiani”.

“La propaganda digitale della suddetta struttura è composta da immagini e testi dai contenuti discriminatori e di incitamento all’odio razziale, religioso e sessuale, contenuti ideologici riguardanti la razza e teorie di complotto su base razziale, religiosa e sessuale, articoli di cronaca ripresi dalle testate giornalistiche copia-incollati e modificati al fine di diffondere notizie alterate e di parte a sostegno della propria ideologia, nonché la diffusione di notizie prive di fondamento e inventate“.

“Fino a qualche anno fa – ha raccontato Michelangelo Coltelli, di Butac.it – incontravamo soprattutto notizie sciocche, come quelle su animali giganti, oppure bufale sul settore medico. Oggi, invece, le notizie false che spopolano sui social sono quasi tutte razziste o omofobe. C’è stato un picco. E questo è preoccupante“. Tale struttura è diventata nel tempo un punto di riferimento per numerosi Siti Web e le rispettive strutture social (ad esempio “Catena umana“, tanto per citarne il più famoso), per scopi politici e/o di monetizzazione: i rispettivi gestori copiano e incollano i contenuti della struttura in esame, citandone la fonte e aumentandone di fatto la diffusione”.

Bufale.net si è anche occupato di pubblicare un dossier intitolato “Chi c’è dietro VoxNews, Tuttiicriminidegliimmigrati, Identità e Resistenza Nazionale” all’interno del quale viene spiegato con dovizia di particolari come si sia organizzata quella che, secondo gli autori del dossier, pare configurarsi come una vera e propria impresa che generando bufale razziste guadagna migliaia di euro.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.