CannabisHigh times

Vinadio, il paesino piemontese dove i Carabinieri hanno segnalato 100 ragazzi in una sera per cannabis

controlli carabinieriIl consumo di cannabis in Italia è depenalizzato: non da ieri, ma dal 1993. Eppure ogni giorno leggiamo agenzie di stampa e comunicati delle forze dell’ordine che ci raccontano un lungo elenco di controlli e retate nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nei parchetti e nei concerti, tutti svolti allo stesso scopo: trovare giovani in possesso di droga, quasi sempre cannabis, da segnalare alla prefettura come consumatori.

Una sequela interminabile che quasi sempre passa sotto traccia, come tutte le “guerre” a bassa intensità alle quali dopo un po’ si fa il callo.

Ma quello che è successo nel fine settimana a Vinadio, un paesino della provincia di Cuneo, merita una riflessione. Da giovedì a domenica nel paese si è tenuto l’annuale festival “Balla coi cinghiali”, una fiera di paese con il suo slogan “come a Woodstock ma si mangia meglio” e con una serie di concerti di cantanti piuttosto conosciuti nel panorama indie rock italiano che avevano richiamato quasi cinquemila visitatori, in gran parte giovani della provincia.

Una festa di paese come tante altre nel panorama estivo italiano, in occasione del quale l’arma dei carabinieri della locale valle Stura ha ben pensato di mobilitare tutti i propri uomini per perquisire il maggior numero possibile di ragazzi.

Per cotanta operazione di sicurezza i carabinieri hanno anche chiesto ed ottenuto l’ausilio di unità specializzate antidroga del Nucleo Cinofili della vicina Volpiano.

In due sere i militari hanno perquisito oltre mille ragazzi e circa cento di questi sono stati fermati e segnalati perché trovati «in possesso di sostanze stupefacenti», nella quasi totalità dei casi cioè cannabis, e in quantità veramente minime, visto che in tutto sono stati sequestrati «180 grammi tra hashish e marijuana». Spacciatori arrestati? Zero assoluto.

Il bilancio di una sagra di paese si conclude quindi con un centinaio di ragazzi – oltretutto secondo il comunicato dell’arma tutti maggiorenni – che per due canne dovranno sorbirsi lettere a casa, eventuale colloquio al Sert ed eventuale ritiro della patente con ovvie ripercussioni sul lavoro, mentre decine di carabinieri sono stati retribuiti con soldi pubblici permettere in scena l’ennesima inutile retata di gruppo.

In tutto questo i comandanti dell’arma hanno pure trovato il coraggio per esultare: «Era doveroso dare una risposta determinata e monitorare eventuali infiltrati , affinché la manifestazione canora non si trasformasse in qualcosa di diverso rispetto alle finalità prefissate» ha affermato  Il capitano Alberto Calabria, comandante della Compagnia di Borgo San Dalmazzo. Mentre il maresciallo dell’arma locale, Antonino Corso ha affermato che grazie all’operazione si potrà raggiungere «l’obiettivo di far crescere il flusso di turisti che anche il prossimo anno si recheranno nelle nostre valli per assistere agli eventi proposti dal Comune di Vinadio».  Sicuri?





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.