Il Dipartimento della sanità pubblica e dell’ambiente del Colorado ha assegnato 2,35 milioni di dollari per finanziare sette ricerche scientifiche sull’utilizzo della marijuana. Erano state presentate 58 domande alla commissione la quale ha provveduto a selezionarne 16 e successivamente a sceglierne 7.

Queste sovvenzioni vanno a sommarsi ai 9 milioni di dollari già finanziati ad inizio dell’anno scorso dall’Assemblea Generale specifici sulla ricerca medica sulla marijuana. La necessità di approfondire le conoscenze non solo sulle applicazioni della cannabis, ma come questa influisce sulla comunità, come si modificano i modelli di utilizzo e su chi ne fa uso, nasce dal comitato consultivo per la salute pubblica della marijuana istituito a seguito della legalizzazione in Colorado del 2012.

I progetti approvati spaziano dagli effetti della cannabis sulla guida, alla durata della concentrazione nel latte materno, passando per gli effetti cardiovascolari sui soggetti a rischio, lo studio dell’utilizzo della marijuana negli anziani e l’analisi dei dati pre e post legalizzazione per uso ricreativo. Sono stati assegnati due tipi di sovvenzioni: le pilota riceveranno fino a 100.000 dollari l’anno per un massimo di due anni mentre quelle di ricerca completa fino a 300.000 dollari l’anno dilazionati per un massimo di tre anni.

La verità è che si sa poco della marijuana, sulle potenziali conseguenze della salute pubblica e della sicurezza del prodotto al dettaglio. Lo scopo quindi è quello di conoscere continuando a colmare le lacune create dal proibizionismo; conoscere per informare in modo consapevole gli utenti e i possibili tali. Questo è il compito ingrato, perché andare controcorrente ed essere tra i primi a farlo è faticoso, e allo stesso tempo lodevole degli hemp state, che come pionieri si lanciano nella ricerca, forti di metodi scientifici accurati e curiosi delle potenzialità che questa pianta offre.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.