High timesIn evidenza

Vietato licenziare chi fa uso di cannabis

Succede a Washington D.C. dove una legge vieta espressamente alle aziende private di licenziare chi utilizza la cannabis

A Washington D.C. le aziende private non possono licenziare i dipendenti positivi alla cannabis
Vietato licenziare i lavoratori risultati positivi all’uso di cannabis: la nuova legge, che vale per le aziende private è stata approvata all’unanimità dal Consiglio della capitale statunitense nei giorni scorsi e ora deve solo essere ratificata dalla sindaca Muriel Bowser.

A Washington D.C. la cannabis ricreativa è legale dal referendum del 2014 ma le leggi che regolano l’occupazione e che prevedono i test antidroga per i dipendenti avevano permesso che le aziende licenziassero coloro che risultassero positivi al test della cannabis. Una prassi che non sarà più possibile e che mette la parola fine al controsenso che prevedeva la possibilità di licenziamento per l’utilizzo di una sostanza completamente legale.

COME FUNZIONERÀ LA LEGGE CHE IMPEDISCE DI LICENZIARE CHI FA USO DI CANNABIS

Secondo il Washington Post, tuttavia, la nuova legge prevede delle eccezioni per chi svolge “lavori sensibili alla sicurezza“, come coloro che utilizzano macchinari pesanti, gli operai edili, le guardie di polizia e di sicurezza che portano armi e i professionisti del settore medico.

Sul fronte pubblico, invece, se da una parte l’amministrazione cittadina ha già creato delle tutele per i dipendenti comunali che fanno uso di cannabis, il governo locale non può impedire a quello federale di sanzionare i dipendenti (federali) per l’uso di marijuana.

Il Consiglio ha preso atto di un rapporto dell’American Addiction Centers, secondo il quale i posti di lavoro statali sono quelli che più facilmente richiedono test antidroga ai lavoratori, il che – sempre secondo la testata americana – potrebbe attenuare l’impatto della legge.

Tuttavia i membri del Consiglio hanno affermato che la legge locale proteggerà alcuni lavoratori, soprattutto le persone di colore: secondo uno studio di Yale del 2013, il 63% dei lavoratori neri ha un lavoro che prevede test antidroga, rispetto al 46% dei lavoratori bianchi.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button