Una delibera comunale per vietare non solo il commercio delle infiorescenze a basso contenuto di THC, ma addirittura la coltivazione di canapa, andando contro una legge nazionale approvata ormai quasi 3 anni fa. Succede a Porto Azzurro, comune dell’isola d’Elba, che con una delibera del 12 novembre sancisce il divieto: “Di coltivazione di cannabis e di commercializzazione su tutto il territorio comunale”.

A Porto Azzurro, durante la seduta comunale, un solo consigliere, tra i 9 presenti, fa l’unica domanda sensata che qualunque cittadino avrebbe voluto fare, e cioè perché vietare la coltivazione di una pianta se è prevista dalla legge. La risposta del sindaco Maurizio Papi lascia esterrefatti: «Corrisponde alla volontà dell’amministrazione ed è comunque possibile ricorrere al TAR o al Consiglio di Stato».

«Trovo molto grave che un pubblico amministratore che dovrebbe fare gli interessi della propria comunità locale di fronte alle rimostranze del consigliere di minoranza abbia dato questa risposta, denotando una piena consapevolezza del proprio illegittimo operato e costringendo la collettività a sopportare i costi di un contenzioso dinanzi al TAR», sottolinea l’avvocato Giacomo Bulleri, che ha firmato l’esposto/querela e che ha già annunciato il ricorso al TAR.

«Purtroppo, le recenti dichiarazioni inerenti all’emendamento alla legge di bilancio ce lo hanno confermato, quando parliamo di canapa, seppure per fini industriali, i preconcetti ed i pregiudizi continuano ad essere molto diffusi. Trovo grave che nel mondo globalizzato, dove le vere informazioni scientifiche sono a disposizione di tutti, si voglia insistere a confondere la droga con una pianta industriale. Questa, per me, è pura disonestà intellettuale. E difenderemo la liceità del settore in tutte le sedi, consapevoli di essere dalla parte giusta della Storia», puntualizza Bulleri.

Fonte: canapaindustriale.it





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.