Viaggi e avventure

Viaggio nello Zimbabwe: tra il ruggito delle Victoria Falls e le contraddizioni di una città in via di sviluppo

Zimbabwe_Sunrise

Il trasferimento da Kasane (Botswana) a Victoria Falls (Zimbabwe) dura un’ora e trenta minuti, considerando anche il tempo perso in frontiera dove ci viene applicato senza problemi il visto d’ingresso. La strada è in buone condizioni ed è gremita di babbuini che vediamo, lungo tutto il percorso, ai bordi della carreggiata. Giunti a Victoria Falls ci si rende immediatamente conto che si tratta di un’opulenta anomalia in una parte d’Africa povera e affamata. Tutto è esageratamente turistico, come il fantasmagorico centro commerciale “Pavarottis” pieno zeppo di negozi lussuosi, raffinati ristoranti e sale per il gioco d’azzardo ad uso e consumo esclusivo dei facoltosi visitatori. Completano il quadro grandi banche, ristoranti turistici, negozi alla moda e sfarzosi hotel. Per le strade della città uomini di colore elegantemente vestiti, quasi tutti portieri e facchini di alberghi, stonano con le condizioni di degrado in cui versa il resto della popolazione. All’ingresso delle cascate ci sono un mega parcheggio per i pullman ed una monumentale biglietteria, ma fortunatamente la città di Victoria Falls non ha niente da spartire con i suoi celebri salti d’acqua.

A forza di viaggiare per il mondo mi sono fatto un’idea di quanto sia stata previdente “madre natura” nel corso dei millenni distribuendo uniformemente in vari luoghi della terra, quasi a voler accontentare tutti, una delle sue tante e straordinarie bellezze. Le famose cascate Vittoria sono così il contributo dello Zimbabwe alla lista delle meraviglie del mondo. Non importa se a piedi lungo i sentieri, dall’alto con l’elicottero o dal basso in barca, quale che sia la maniera in cui si visitano le Cascate Vittoria non deludono mai. Della loro grandiosità si legge in tutte le guide, ma vederle di persona è tutta un’altra cosa… Si resta immediatamente stregati dal loro fascino rimasto pressoché intatto dalla loro scoperta. Sono state sapientemente risparmiate alla spregiudicatezza edilizia e turistica rimanendo così in un contesto ambientale e naturale primordiale.

Non sarà difficile avvertire le stesse emozioni provate da David Livingstone nel 1855, quando le scoprì e così le descrisse nei suoi diari: “L’incessante ruggito delle cateratte, il loro flusso perpetuo rompono il silenzio della foresta […] spalanco gli occhi e mi trovo di fronte all’Eden; il sole del mattino ammanta d’oro queste colonne d’acqua che sembrano fumo con i colori ardenti di arcobaleni doppi e tripli”. Resoconto non casuale in quanto le cascate erano già note alle popolazioni locali con il nome di Mosi-oa-Tunya, il fumo che tuona, ma Livingstone le ribattezzò con il nome dell’allora Regina d’Inghilterra. Tuttavia una cosa manca rispetto a come dovevano essere un tempo, se la flora è rimasta intatta purtroppo la fauna è completamente sparita, essendo stata recintata l’intera area per l’incolumità dei visitatori, perciò insieme al frastuono delle cascate non si sentiranno i rumori degli animali, il barrito dell’elefante o il ruggito del leone, al massimo si sentirà il ronzare delle zanzare.

BNP-123

Pochi minuti di cammino bastano per lasciarsi alle spalle la modernità e iniziare a sentire un bisbiglio appena percettibile all’inizio, poi un sibilo sempre più vicino e chiaro, infine un impetuoso clamore, quello delle cascate, appunto, per il momento non ancora visibili e nascoste dalla vegetazione. La loro spettacolarità è dovuta proprio alla particolare geografia del luogo nel quale sorgono, una gola profonda e stretta, in cui il fiume Zambesi d’improvviso non trova più la terra e si getta nel baratro. Il fronte delle cascate è molto lungo, più di un chilometro e mezzo, mentre la loro altezza media è di 128 metri. Lo Zambesi non è in piena, ma proprio per questo le nuvole di vapore sono meno intense del solito permettendo buona visibilità e ottime fotografie. Dopo quindici minuti di cammino si raggiunge Danger Point il punto più orientale delle cascate, da dove imboccando un sentiero secondario si può raggiungere un belvedere sullo Zambesi Bridge, il ponte che collega lo Zimbabwe con lo Zambia.

A Danger Point (punto di pericolo), senza alcuna protezione a differenza degli altri punti panoramici, la vista spazia dal fiume Zambesi, 100mt più in basso, fino a tutta la gola che si vede longitudinalmente. Da qui si prosegue verso ovest. Le rocce affiorano tra una cataratta e l’altra dando origine a diverse cascate che un sentiero, con tante brevi diramazioni, permette di ammirare portando a dei punti panoramici posizionati esattamente davanti ai singoli salti d’acqua. Non saltatene neppure uno perché cascate spumeggianti e forre verdi sono visibili di volta in volta in prospettive sempre nuove e diverse. Dalla parte dello Zimbabwe, naturalmente, le vedute danno sulla sponda del fronte dello Zambia. All’incirca a metà percorso si prosegue in mezzo alla foresta pluviale, il caldo umido non cessa, ma almeno non si sente più battere il sole a picco sulla testa.

I raggi del sole penetrano nella gola e al contatto con le nubi e gli spruzzi d’acqua originano incantevoli arcobaleni. Giunti alla statua di Livingstone si trova la scalinata che scende a Cataract View, spettacolare belvedere che a dispetto degli altri è situato pressappoco a metà gola. Sembrerà davvero di trovarsi di fronte all’Eden terrestre. Se la fauna è assente là dove sarebbe più ovvio trovarla, in mezzo alla selvaggia vegetazione delle cascate, appena fuori del cancello dell’uscita ci imbattiamo in cinque grossi babbuini e altri ancora ne vediamo nel parcheggio antistante l’elegante Victoria Falls Hotel. Queste grosse scimmie girano indisturbate per la città, finché qualcuno non gli corre dietro, bastone in pugno, per spaventarle, quando si fanno troppo ardite e s’avvicinano minacciosamente all’entrate dei ristoranti o degli alberghi.

A metà pomeriggio, al Pavarottis, beneficiamo dell’aria condizionata dei suoi ambienti, un vero toccasana per i nostri fisici disidratati dall’opprimente umidità patita durante la visita alle cascate. All’interno del centro commerciale è ben lampante la crisi monetaria del dollaro zimbabwese; per invogliare i clienti a pagare in dollari americani (moneta forte) il prezzo di un prodotto s’abbassa anche fino al 65% del suo valore. I prezzi sono esposti sia in dollari zimbawesi che in quelli americani, risparmiandovi di fare i sempre complicati calcoli dei cambi con la calcolatrice. Il dollaro zimbabwese d’altronde non vale niente, le banconote riportano addirittura stampata una data oltre la quale la moneta non ha più nessun valore. Se proprio si vuole cambiare in moneta locale il suggerimento è di farlo al cambio in nero, con gli annessi e connessi che un simile gesto implica.

Consumata una bottiglia di coca cola e mangiato uno spuntino la nostra visita prosegue ora per il centro cittadino di Victoria Falls. Per strada, oltre ai già citati babbuini, s’incontrano altri animali come asini, pecore, cani e gatti tutti alla ricerca spasmodica di cibo tra le immondizie. Al kurio market le litanie infinite dei venditori ambulanti ci accompagnano per tutto il mercato, se rivolgete un semplice “How much?” a qualcuno sarete inseguiti finché non acquisterete la merce per sfinimento.

Victoria-falls

Nella città in piena espansione commerciale le strade luride, ad eccezione delle cascate e dei parcheggi dei lussuosi alberghi, sono il prezzo da pagare in una florida economia che alla sporcizia locale aggiunge quella portata dagli occidentali. Forse è anche per questo che la popolazione locale è meno cordiale rispetto ad altre zone dell’Africa, perché a forza di avere a che fare con l’uomo abbiente, ricco e facoltoso ne ha assorbito i difetti ed è divenuta scaltra, avveduta e furba perdendo le qualità che ho sempre riscontrato nel popolo africano la semplicità, la fierezza e soprattutto l’ospitalità che fanno di questi popoli uomini veri e autentici preservati dai mali delle società rapaci e materialiste. Ceniamo, su consiglio del proprietario del Pamushia Lodge, presso cui alloggiamo, da “Mamma Africa” ambiente raccolto e in stile, dove mangiamo molto bene e assistiamo nel frattempo all’esibizione di un gruppo musicale che suona performance di Leonard Dembo, uno dei più famosi musicisti del paese conosciuto anche fuori dei confini nazionali.

Il ritmo è avvolgente e incalzante tanto che il giorno dopo acquisto un suo cd. Ulteriore cattivo esempio ereditato dal mondo civilizzato è la criminalità. Di notte la delinquenza imperversa a Victoria Falls, molte persone vedono l’opportunità di un facile e redditizio guadagno a dispetto di poca fatica. Per rientrare ai propri alberghi ogni singolo turista è scortato. Così avviene anche per noi. Un minibus viene a prelevarci direttamente al ristorante, vige una sorta di coprifuoco, in quanto è pericolosissimo girare da soli al calar del sole. I poliziotti sono ovunque a salvaguardia del turista. Ecco Victoria Falls anomalia dell’Africa Nera che è riuscita almeno a preservare i suoi meravigliosi salti d’acqua dall’industria turistica.

devils-pool-victroria-falls

a cura di Adriano Socchi

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.