downloadRiprendere le fila del brit pop, riannodare il discorso e dare uno schiaffo morale alle orecchie prevenute dei detrattori. C’è poco da dire, il credito sembrava esaurito e la ribollita pareva inevitabile. Ma l’antipatia del malaticcio Richard Aschroft nasconde ancora briciole di buon senso per ricostituire un gruppo già consegnato alla naftalina.

L’intuito in verità sembrava già sulla strada giusta, quella costruita nell’immaginario etereo delle nuvole gravide di chiarori leggeri della copertina. Banchi bianchi e lievi. Psichedelica e allucinazioni, trame dilatate. Gusto melodico. Intarsi. Visioni. Forse è un’alba, forse una schiarita. Sit and wonder, Love is noise, Appalachian springs. Pop di fattura, evocativo. Da inalare nei momenti di mezza luce.

a cura di Giampaolo Berti

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.