In evidenzaPrime armi

Come utilizzare la CO2 per una coltivazione ottimale della cannabis

Il ruolo della CO2 nella coltivazione indoor della cannabis

Piante di cannabis indoor

L’anidride carbonica (CO2) è un composto chimico che riempie l’atmosfera allo stato gassoso ed è essenziale per una crescita sana delle piante. Insieme all’acqua e alla luce solare, l’anidride carbonica svolge un ruolo importante affinché le colture creino zuccheri.

Le piante di cannabis, come tutte le piante, utilizzano l’anidride carbonica durante la fotosintesi per produrre energia biochimica. In effetti, l’anidride carbonica è uno dei principali elementi costitutivi del tessuto vegetale, in questo articolo impareremo l’importanza della CO2 per la coltivazione indoor.

BENEFICI DELLA CO2 PER LA COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS 

Aumentare la concentrazione di CO2 nell’aria intorno alle piante di cannabis può aiutare a promuovere una crescita più rapida e rese più elevate. Questo perché la fotosintesi è direttamente collegata alla quantità di CO2 a disposizione della pianta. Aumentando la concentrazione di questo gas nell’aria, i coltivatori possono aiutare le piante di cannabis a produrre più energia, il che può portare a rese maggiori e più abbondanti.

Tipicamente, le piante di cannabis prosperano in un ambiente con una concentrazione di CO2 di circa 1000 parti per milione (ppm), che è superiore alla concentrazione naturale nell’atmosfera (circa 400 ppm). Alcuni coltivatori utilizzano tecniche di integrazione di CO2, come l’introduzione di gas nel loro ambiente di coltivazione, per aumentarne la concentrazione e stimolare la crescita delle piante.

Tuttavia, è importante notare che, mentre la CO2 può essere benefica per la crescita della cannabis, quantità eccessive di CO2 possono essere dannose per l’uomo e per l’ambiente. Inoltre, l’uso di elevati livelli di CO2 nella coltivazione delle piante di cannabis può essere costoso e dispendioso in termini energetici. È importante che i coltivatori bilancino i benefici dell’integrazione di CO2 con i potenziali rischi e costi.

LED

I livelli tipici di CO2 per la coltivazione della cannabis sotto luci ad alto PPFD (Photosynthetic Photon Flux Density) vanno da 400-1400 ppm e dipendono dallo stadio di crescita della pianta, nonché dall’intensità della luce e dalla temperatura dell’aria. Man mano che le piante crescono durante tutto il ciclo produttivo, l’aumento dell’intensità della luce promuoverà tassi più elevati di fotosintesi, che idealmente è integrata dall’aumento dei livelli di CO2 per migliorare la fotosintesi. Con una PPFD ≥ 500 umol/m 2/s, i livelli di CO2 raccomandati dovrebbero essere ≥ 800 ppm

Anche la temperatura gioca un ruolo importante nello scambio accelerato di gas. La luce ad alto PPFD e le alte concentrazioni di CO2 devono abbinarsi a temperature più elevate per indurre una traspirazione sufficiente. Ad esempio, alcuni coltivatori possono eseguire 1.400 ppm/1.000 umolm -2 s -1 mantenendo la temperatura ambiente a 23.9 C, il che limita i benefici dell’arricchimento di CO2 e dei fotoni integrati. Nella fase vegetativa della crescita, si consigliano temperature fino a 23.9 °C; alcuni coltivatori più esperti potrebbero trovare accettabili anche valori fino a 32.2 °C stressando lievemente le piante che in talune occasioni si prestano meglio di altre a questo tipo di coltivazione.

Le piante di cannabis utilizzano la CO2 per effettuare la fotosintesi, il processo che converte la luce in energia.

INSPIRAZIONE ED ESPIRAZIONE 

Affinché una pianta di cannabis possa utilizzare CO2, deve “respirarla”. La CO2 entra nell’atmosfera mentre gli esseri umani e altri animali inalano ossigeno ed espirano anidride carbonica. Le piante estraggono il gas dall’aria attraverso l’atto della respirazione.

Invece di un paio di polmoni, le piante sono dotate di minuscole spore sulla superficie delle foglie chiamate stomi. Mentre noi facciamo affidamento sul nostro diaframma per forzare attivamente l’aria nei nostri polmoni, le piante aprono e chiudono questi fori utilizzando cellule di guardia che regolano gli stomi utilizzando la pressione dell’acqua.

CO2 DURANTE LA FOTOSINTESI

Quando questi minuscoli fori si aprono, l’ossigeno e l’acqua si diffondono e la CO2 si sparge passivamente nella pianta. Da qui, la CO2 entra in cellule specializzate chiamate cloroplasti. I pigmenti all’interno di queste cellule raccolgono la luce solare e utilizzano questa energia per creare zuccheri.

Sfruttando l’energia del sole, le piante utilizzano CO2 e acqua (H₂O) per creare glucosio (zucchero) e ossigeno (O₂). Rilasciano l’ossigeno nell’atmosfera e utilizzano gli zuccheri per alimentare le loro cellule.

EVITA CHE TROPPA C02 DANNEGGI LE TUE PIANTE 

Se le piante diventano deboli o giallastre da un momento all’altro, smetti immediatamente di usare la CO2 e cerca di capire cosa c’è che non va. O si sta accumulando troppa CO2 oppure la temperatura non è adeguata. 

La CO2 dovrebbe scendere al di sopra delle piante di cannabis perché è un gas pesante che tenderà a depositarsi al suolo. L’uso dei ventilatori sarà utile per spostare la CO2 nella stanza e per consentire alle piante di assorbirla correttamente. Assicurati di seguire esattamente i parametri, altrimenti l’uso della CO2 potrebbe causare più danni che benefici. 

Se lo fai correttamente, il tuo raccolto sarà pronto qualche giorno prima e otterrai una resa maggiore. 

Piante di cannabis in vaso

FOTOSINTESI

Oltre ad essere importanti per la traspirazione, i livelli di CO2 svolgono un ruolo importante nella fotosintesi. Le piante utilizzano la CO2 e l’energia del sole (o della lampada) per produrre molecole di zucchero e ossigeno che vengono poi sintetizzate grazie al processo di traspirazione, producendo glucosio che è vitale per la crescita delle piante di cannabis e di tutte le altre piante.

RESPIRAZIONE

Il processo di respirazione è un processo vitale che utilizza gli zuccheri prodotti durante la fotosintesi ed è fondamentalmente una reazione chimica che avviene nelle cellule di tutti gli esseri viventi, utilizzata per fornire energia per la crescita delle piante. Nelle piante, questi scambi di ossigeno e CO2 avvengono attraverso i pori (chiamati stomi) presenti nelle foglie, negli steli e nelle radici, mentre la fotosintesi avviene solo nelle foglie e negli steli.

Quando si verifica questo processo di respirazione, le piante utilizzeranno il glucosio prodotto durante la fotosintesi per fornire energia alla pianta. 

Ma a differenza della fotosintesi, esistono due tipi di respirazione: respirazione notturna e foto respirazione.

  • Foto respirazione
    Durante il giorno, le piante assorbono CO2 e rilasciano ossigeno attraverso la fotosintesi (in presenza di luce), che è il processo di base che la maggior parte di noi conosce. Durante la foto respirazione, le piante rilasciano ossigeno e assorbono CO2.
    Ma quando una pianta non esegue la fotosintesi, avrà comunque bisogno di “respirare”, ed è qui che entra in gioco la respirazione notturna.
  • Respirazione notturna
    La respirazione notturna è una forma di respirazione che si verifica quando le piante non eseguono la fotosintesi, il che significa che non sono esposte alla luce solare o all’illuminazione artificiale. Durante questo processo, le piante rilasciano CO2 a causa dei processi che stanno eseguendo e assorbono ossigeno attraverso le radici.

 Tieni presente che la respirazione notturna non è esclusiva delle piante di cannabis, anche altri esseri viventi come i microrganismi eseguono la respirazione notturna.

Didascalia: Se le piante diventano deboli o giallastre da un momento all'altro, smetti immediatamente di usare la CO2COME INTEGRARE LA CO2 ALLA TUA GROWROOM

Ora che sai quanto i livelli di CO2 aiutano le rese, devi sapere che ci sono diversi modi per iniettare anidride carbonica nella tua stanza di coltivazione, alcuni sono più adatti per coltivazioni più grandi di altri e possono essere più costosi ma ci sono modi per aumentare i livelli di CO2 in tutti i tipi di coltivazione.

Esistono delle compresse di CO2, metodo più economico e facile da usare, a rilascio extra lento di anidride carbonica. Da usare per arricchire l’aria nello spazio di coltivazione di CO2, utile alle piante per aumentare i livelli di fotosintesi clorofilliana. Bisogna farle sciogliere in un secchio d’acqua messo all’interno della growbox o dello spazio di coltivazione.

Bottiglie di CO2, alcuni marchi vendono CO2 in bottiglia per coloro che non vogliono avere a che fare con attrezzature costose o pesanti, queste bottiglie di anidride carbonica preconfezionate, facili da usare, contengono CO2 pressurizzata che la rilascerà lentamente nella tua stanza di coltivazione ma poiché non puoi sigillarlo, dovrai acquistare una bottiglia ogni 5-7 giorni e può diventare costoso.

Altre metodologie come i generatori o i veri e propri serbatoi di CO2, rappresentano un costo esoso per chi si cimenta nell’autoproduzione e rimangono pertanto appannaggio dei grossi produttori su larga scala.

N.B. Quando cerchi di mantenere un livello elevato di CO2, avrai bisogno di uno spazio di coltivazione ermetico in modo che non si dissipi, inoltre è consigliato spegnere l’impianto di aereazione durante il processo.

CONSIDERAZIONI

Sebbene la CO2 svolga un ruolo essenziale nella coltivazione della cannabis, è importante comprendere l’equilibrio tra benefici e rischi potenziali di una quantità eccessiva. L’uso di luci ad alto PPFD può anche aiutare ad aumentare i tassi di fotosintesi che può portare a massimizzare la crescita ma un relativo eccesso può portare a risultati disastrosi, soprattutto se non si conoscono le meccaniche di assorbimento di questo gas pesante. Per le coltivazioni domestiche; l’integrazione di CO2 può risultare superficiale, in quanto il fabbisogno di una pianta o poco più è già garantito dalla presenza umana. Di fatti con il nostro respiro rilasciamo quantità di CO2 nell’ambiente domestico, insomma una specie di dare e avere che riprende il rapporto simbiotico tra uomo e natura, come a sottolineare che nel complesso ciclo della vita siamo tutti essenziali gli uni agli altri. 

cannabis coltivata indoor con CO2



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio