All’inizio furono Colorado, Maine e New Jersey: i primi tre stati americani a permettere l’utilizzo di cannabis a scopo medico anche a scuola. In questi paesi infatti, per alcune patologie, è possibile che anche i minori possano trattare la propria patologia con la cannabis, in genere sotto la supervisione dei genitori o di infermieri specializzati.

Ora anche la California ha approvato una legge che va in questa direzione, che è in attesa di essere promulgata dal governatore Jerry Brown. E’ stata votata lo scorso 3 settembre e prevede che i genitori possano recarsi nelle scuole dei figli per poter somministrare loro la cannabis nelle forme in cui la necessitano, evitando il fumo e la vaporizzazione. Fino ad oggi infatti, i bambini ed i ragazzi che si affidano a questo tipo di cure, erano costretti ad assentarsi da scuola per poter seguire i propri piani terapeutici.

Nonostante la California sia stato il primo paese americano ad approvare l’utilizzo della cannabis in ambito medico nel lontano 1996, e la legge di allora prevedeva già l’uso di cannabis a scopo medico per i minori, nella pratica l’utilizzo non è mai stato concesso.

E come spesso accade, anche in questo caso la politica è stata ispirata dalla quotidianità di cittadini che si trovano a far fronte alle difficoltà quotidiane. La discussione della legge infatti è iniziata dopo che la storia della piccola Brooke Adams, una bimba di 5 anni affetto dalla sindrome di Dravet, è diventata di dominio pubblico.

Brooke Adams durante la somministrazione della tintura al CBD

Il distretto scolastico locale di Brooke, quello della Rincon Valley, non le permetteva di portare le sue medicine nel campus perché il possesso di marijuana, indipendentemente dal fatto che sia medica o ricreativa, è vietato nel raggio di 1.000 metri nelle scuole pubbliche, secondo la nuova legge dello Stato che ha legalizzato la cannabis, nonostante la bimba soffra di decine e decine di crisi epilettiche che possono essere mitigate da una tintura a base di CBD.

A partire da agosto il giudice Charles Marson ha emesso un’ordinanza che consente a Brooke di andare all’asilo e di portare le proprie medicine in classe fino a quando non sarà emessa la sentenza finale, fornendo un’infermiera che la assista nel caso in cui dovesse averne bisogno.

Intanto anche l’Illinois ha approvato una legge simile all’inizio di questo mese, mentre le autorità statali del Colorado hanno varato una legge che consente a genitori e infermieri qualificati di somministrare cannabis medica anche negli istituti scolastici.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.