TUMORE-AL-SENO-IMMAGINE-OK-CopiaUn componente della cannabis potrebbe fermare la diffusione delle metastasi del cancro al seno, e forse del cancro in generale. E’ quanto sostengono i ricercatori del California Pacific Medical Center Research Institute, secondo i quali l’uso del cannabidiolo potrebbe in futuro proporsi come valida alternativa alla chemioterapia. Il cannabidiolo, infatti, è in grado di bloccare un gene chiamato Id-1, che è ritenuto il responsabile della diffusione aggressiva delle cellule cancerose al di fuori del tumore originale. In una parola, della metastasi. Studi passati avevano già dimostrato l’efficacia del cannabidiolo nel bloccare l’aggressività del cancro al cervello, ma ora si è scoperto che ha lo stesso effetto sul tumore al seno, aprendo nuove prospettive nella cura a tutti i tipi di tumori.

“Fino a oggi – ha spiegato alla Bbc il capo dei ricercatori, Sean McCallister – avevamo uno spettro di opzioni molto limitato per le forme aggressive di cancro, che si fondano sostanzialmente sulla chemioterapia, che può essere estremamente tossica per il paziente. Il cannabidiolo offre la speranza di una terapia non tossica che potrebbe ottenere gli stessi risultati senza effetti collaterali”.

La ricerca, avverte tuttavia Joanna Owens, dell’istituto Cancer Research del Regno Unito, è ancora al primo passo: “Dobbiamo ancora capire se il cannabidiolo è sicuro, e se gli effetti benefici sono replicabili. Molti farmaci anticancro sono già basati su vegetali e usati frequentemente, come la Vincristina, derivata da un fiore chiamato Madagascar Periwinkle, usata per il tumore al seno e per quello al polmone. Sarà interessante appurare se anche il cannabidiolo sarà tra questi”. Naturalmente, tengono a precisare gli scienziati, il cannabidiolo non è la cannabis: non è una sostanza psicotropa, e il suo uso non viola alcuna legge. “Non stiamo suggerendo ai pazienti di fumare marijuana – mettono in chiaro i ricercatori – anche perché è altamente improbabile che si raggiunga la quantità di cannabidiolo necessaria fumando cannabis”.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.