Il Farm Bill, la legge sull’agricoltura firmata da Trump che norma a livello federale le coltivazioni di canapa, supera finalmente il proibizionismo feroce che ha caratterizzato le scelte politiche americane riguardanti la canapa durante il secolo scorso.

Il 2018 è stato così anche per gli Stati Uniti l’anno del boom delle coltivazioni in risposta ad una richiesta evidentemente sempre crescente di prodotti derivati dalla canapa, in primis il CBD.



I numeri da capogiro del 2018
Questa crescita ha seguito durante tutto l’anno il processo di approvazione della legge e ha fatto triplicare le coltivazioni: ad oggi gli USA con i loro 31mila ettari sono il terzo coltivatore al mondo, dopo la Cina e il Canada. Secondo Vote Hemp, il gruppo di attivisti che lavora in difesa della canapa e che ha riunito i dati di questa rapida crescita, si è raggiunto un aumento del 70% delle superfici autorizzate.
 Lo stato del Montana ha guidato la crescita passando da 220 a 9mila ettari destinati alla coltivazione di canapa, superando il Colorado: sono numeri da capogiro che vanno oltre qualsiasi previsione e tracciano un’evoluzione tutta da scoprire (e sostenere).

Lo sviluppo del settore
Ma non solo: sono raddoppiate le licenze di coltivazione rilasciate dal governo rispetto all’anno precedente. Questo dato delinea un fenomeno di forte crescita che coinvolge nuovi soggetti. Parallelamente crescono le ricerche universitarie: nel 2018 ben 40 nuovi istituti hanno deciso di investire tempo e risorse per studiare la pianta dai mille utilizzi.

Il Farm Bill non si limita ad autorizzare a livello federale le coltivazioni di canapa con THC sotto lo 0,3%, entra invece nello specifico normando la coltivazione di tutte le parti della pianta, favorendo l’accesso ai finanziamenti per la ricerca ed eliminando le restrizioni che pesano sul settore bancario.

Inoltre con la nuova regolamentazione federale saranno in futuro disponibili anche i dati raccolti dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) circa la produzione di canapa: saranno informazioni importanti per l’evoluzione politica che deve necessariamente sostenere questo sviluppo.

I numeri di questa crescita fanno pensare che siamo solo all’inizio di una nuova fase di prosperità per la canapa e tracciano un’evoluzione da cui non si può più tornare indietro e che è ben lontana dall’idea di una bolla speculativa destinata a scoppiare.

Fonte: canapaindustriale.it





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.