High times

USA: la cannabis come “sostanza a basso rischio”

Spostare la cannabis dalla Tabella I alla Tabella III faciliterebbe gli studi scientifici e ridurrebbe i costi delle aziende di settore

cannabis
Dalla Tabella I alla Tabella III. La Drug Enforcement Administration (DEA) vuole riclassificare la cannabis come una “sostanza a basso rischio”.

Una proposta che riconosce i vantaggi terapeutici della cannabis, e il suo minor rischio di abuso rispetto ad altre sostanze.

Un vero e proprio cambio di paradigma. Che non solo favorirebbe gli studi scientifici con al centro questa pianta, ma ammortizzerebbe anche i costi (spesso estremamente elevati) che le aziende di settore devono sostenere.

RICLASSIFICARE LA CANNABIS SIGNIFICA LEGALIZZARLA?

No. Come sottolineato dall’Associated Press (AP), la proposta della DEA non andrebbe a legalizzare la marijuana da un punto di vista federale in tutti gli Stati Uniti.

Paese a stelle e strisce che però, con leggi prettamente statali, conta quasi 40 stati che hanno legalizzato la cannabis medica. E 23 che ne consentono anche l’uso ricreativo.

Ma sposterebbe la marijuana dalla Tabella I alla Tabella III. Rimuovendola dalle sostanze considerate ad alto potenziale di abuso e prive di effetti terapeutici.

USA: la cannabis come "sostanza a basso rischio"
▶︎ Questo articolo è offerto da STORMROCK

MARIJUANA NELLA TABELLA III: UN PASSO AVANTI PER LA RICERCA SCIENTIFICA

La riclassificazione della cannabis aprirebbe le porte alla comunità scientifica. Oggi particolarmente limitata (e ostacolata) nel tentativo di studiare in maniera approfondita questa pianta.

“Le sostanza della Tabella III sono più facili da esaminare”, ha confermato l’AP. Questa manovra infatti, se approvata, potrebbe consentire degli studi su larga scala. Forse anche “su soggetti umani”, ha detto Susan Ferguson, direttrice dell’Addictions, Drug & Alcohol Institute (ADAI).

Studi volti ad implementare lo sviluppo di farmaci dai benefici medici più accurati. Che potrebbero rivoluzionare il panorama medico della cannabis negli USA.

TASSE PIÙ BASSE PER LE INDUSTRIE DEL SETTORE VERDE AMERICANO

Per il codice fiscale federale degli Stati Uniti, le aziende che “trafficano” sostanze della Tabella I e II non possono detrarre l’affitto, i salari o altre spese che le altre imprese, invece, possono dedurre.

Con un’aliquota fiscale che per i rappresentanti del settore arriva a toccare addirittura il 70% o più.

Norma sulla detrazione che non si applica alle sostanza della Tabella III. L’approvazione della proposta, quindi, andrebbe a ridurre nettamente le tasse che spesso mettono in ginocchio le aziende di settore.

In questo modo, i produttori di cannabis legali potrebbero competere con il traffico illegale, spesso preferito dai consumatori per i prezzi più bassi.

Tuttavia però la norma, che deve essere ancora esaminata dall’Ufficio di gestione e bilancio della Casa Bianca, non ovvierebbe uno dei grandi problemi di questo mercato. Il contatto con le banche.

Banche che, diffidenti per la non-legalizzazione a livello federale della marijuana, difficilmente concedono prestiti a chi vuole investire nell’industria verde.



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio