Il parlamento dell’Illinois si appresta a votare la legge per la legalizzazione della cannabis. A darne l’annuncio è stato il governatore dello stato, il democratico Jay Robert Pritzker. L’Illinois potrebbe così diventare l’undicesimo stato Usa a dichiarare la legalizzazione dopo Washington, Oregon, California, Colorado, Nevada, Alaska, Michigan, Vermont, Maine e Massachusetts.

La legge annunciata dal governatore, una volta approvata, permetterà ai cittadini di età superiore ai 21 anni di acquistare cannabis in dispensari legali. Ogni residente potrà detenere fino a 30 grammi e coltivare fino a 5 piante in casa a scopo di consumo personale. I non residenti potranno invece detenere un massimo di 15 grammi.

La legge ha anche importanti dettagli di carattere sociale, al fine di garantire il reinserimento in società di coloro che in passato hanno subito condanne correlate al possesso e allo spaccio di cannabis. Si stima saranno circa 800.000 le condanne che verranno annullate e i condannati potranno entrare a lavorare nelle nuove industrie che sorgeranno con la legalizzazione. Inoltre, lo stato allestirà un fondo di 20 milioni di dollari per sovvenzionare nuove imprese gestite da appartenenti alle minoranze etniche, in modo da favorire il loro ingresso in un mercato che nel resto degli Usa si sta dimostrando prevalentemente appannaggio dei bianchi.

Durante la conferenza stampa J. R. Pritzker ha inoltre illustrato come verranno utilizzati i proventi delle tasse generate dalla cannabis legale: il 25% sarà destinato direttamente alle «comunità che sono state maggiormente colpite e discriminate dalle leggi proibizionistiche; il 20% in servizi di contrasto della tossicodipendenza e delle malattie mentali; il 35% al fondo generale dello stato ed il 10% ad appianare i debiti che gravano sullo stato.

La legge dovrebbe essere discussa nelle prossime settimane e la salda maggioranza della quale il partito democratico gode nel parlamento dello stato dovrebbe garantirne l’approvazione senza sorprese. Nelle intenzioni del governatore essa diventerà operativa a partire dal 1 gennaio 2020, mentre nell’estate successiva saranno distribuite le licenze per la produzione e la distribuzione della cannabis legale.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.