CannabisHigh times

Uno dei più longevi detenuti per possesso di cannabis sarà rilasciato il mese prossimo

Uno dei più longevi detenuti per possesso di cannabis sarà rilasciato il mese prossimoRichard DeLisi, 71 anni, arrestato più di 30 anni fa per aver contrabbandato marijuana in Florida, sarà rilasciato a dicembre.

L’uomo era stato condannato a 98 anni di carcere grazie a un’intercettazione telefonica della polizia nella quale DeLisi sosteneva di essere disposto a contrabbandare cannabis in Florida, sulla base di queste prove l’uomo fu arrestato e accusato di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti.

Sebbene la pena detentiva standard per traffico di marijuana sia compresa tra 12 e 17 anni, le accuse aggiuntive di cospirazione e racket hanno permesso al giudice di aggiungere decenni alla sua pena.

DeLisi soffre di artrite, diabete, ipertensione, malattia polmonare e molti altri problemi legati alla sua età. Mentre era in prigione, i suoi genitori, la moglie e suo figlio sono morti tutti.

Ora, con l’aiuto del Last Prisoner Project e degli avvocati pro-bono, il Florida Department of Corrections ha accettato di rilasciare DeLisi il mese prossimo.

Richard DeLisi è stato imprigionato per un reato correlato alla cannabis più a lungo di qualsiasi altro americano, attualmente ci sono almeno altre 70 persone che scontano l’ergastolo per crimini non violenti legati alla cannabis in tutto il paese e, come DeLisi, molti di questi sono detenuti anziani che soffrono di gravi condizioni mediche.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button