Mezzo secolo di controculture. Dalla Milano dei festival alla Brianza del poetry slam è il sottotitolo che spiega bene cosa trovare in questo volumetto di 224 pagine edito da Agenzia X. A curarlo è Moicana una realtà interessata a tutte le forme di aggregazione spontanea in contrapposizione allo status quo dominante; per l’esattezza è un centro studi sulle esperienze dell’underground in Italia e nel mondo che in questa sede si concentra su Milano, città trainante della “lunga primavera” della controcultura italiana.

In 50 anni la città ha vissuto della vivacità di beat, capelloni, hippie, freak e indiani metropolitani, e poi in punk, dark, post-punk, hip-hopper, rapper, raver; ha visto sorgere giornali, teatri, festival, radio libere, librerie, gallerie d’arte, centri sociali in case occupate; un insieme di iniziative e luoghi dove incontrarsi e produrre una propria cultura, ogni volta alternativa e di contestazione, dando vita a un caleidoscopio di esperienze qui raccontate attraverso le voci dei protagonisti dell’epoca.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.