isola luisianaSi chiama Albert Naquin e vive, ancora per poco, sulla Isle de Jean Charles Band of Biloxi-Chitimacha-Choctaw, al largo della Louisiana meridionale, uno degli stati più petrolizzati d’America.

Albert è un indiano d’America, i cui antenati hanno vissuto su questa isola da millenni. Si vive a ritmi lenti, c’è senso di comunità. Come parte della loro cultura, hanno cercato di mantenere vive tradizioni spirituali e stili di vita il più possibile sostenibili. È stato qui che hanno girato il film “Beasts of the Southern Wild” con la piccola Quvenzhané Wallis, che fu anche nominata all’Oscar.

Ma adesso Albert e tutti gli altri se ne vanno, ma non perché vogliano andarsene, veramente. E’ che l’isola sta scomparendo a causa dell’erosione e dei cambiamenti climatici, e non ci sono rimedi. Il U.S. Department of Housing and Urban Development (HUD) ha deciso di evacuare tutti i residenti dell’isola e di pagar loro le spese per il trasferimento su un’altra isola, più a nord. Sono i primi rifugiati climatici degli Stati Uniti.

La Isle de Jean Charles nel 1950 misurava 18 chilometri in lunghezza e otto in larghezza. Oggi siamo a tre chilometri di lunghezza e mezzo chilometro di larghezza. Molti se ne sono già andati, a malincuore. Il NOAA, National Oceanic Atmospheric Administration, dice che i livelli del mare stanno innalzandosi di circa 1 centimetro l’anno, grazie all’erosione e alla subsidenza. Sarà tutto scomparso fra 50 anni.

La colpa di tutto questo è dei cambiamenti climatici, ma qui in Louisiana è tutto reso ancora più estremo dall’industria del petrolio: la costruzione scellerata di canali per il trasporto del greggio ha messo a soqquadro la geologia del posto. Ma poi, i cambiamenti climatici sono in gran parte figli dell’industria del petrolio, e quindi è qui a tutto a chilometro zero: estrazione, raffinazione e danni associati.

L’isola è a ottanta miglia da New Orleans (150 chilometri) e vivono qui circa 360 persone. C’è una piccola autostrada che la collega alla terraferma. Con il tempo l’acqua si è avvicinata sempre di più finché è rimasta solo l’autostrada, e certi giorni neanche quella. È tempo di andare via.

Il costo dell’operazione “trasloco climatic”? 48 milioni di dollari, pagati dal contribuente americano. Ai petrolieri che hanno causato il tutto, non e’ stato chiesto e dunque non pagheranno neanche un centesimo.

articolo tratto dal blog ufficiale di Maria Rita D’Orsogna





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.