Lifestyle

Una nuova proposta di legge ha rianimato il discorso sugli OGM

Presentata alla Commissione Agricoltura della Camera dal M5S una nuova proposta di legge sui nuovi OGM. Le associazioni ambientaliste e per l’agricoltura biologica e biodinamica chiedono che sia ritirata

Una recente proposta di legge firmata Movimento 5 Stelle sembra aver aperto un nuovo capitolo della discussione sugli OGM. Sono 24 le organizzazioni ambientali e contadine ad aver, infatti, richiesto il ritiro di un nuovo disegno normativo che mira ad accelerare le procedure di immissione nel mercato di varietà vegetali ottenute tramite la tecnica del genome editing. La vicenda ha riportato, ancora una volta, la pratica della modificazione del genoma al centro del discorso pubblico, già nel vivo anche a Bruxelles, alimentando nuove polemiche su un argomento particolarmente polarizzante.

Una nuova proposta di legge ha rianimato il discorso sugli OGM

Nello specifico, la proposta dell’M5S mira a regolare quelle che il testo definisce “TEA”, ovvero delle tecniche di evoluzione assistita che non sarebbero, a detta dei promotori, comparabili agli OGM tradizionali. Una tesi in scia con quella della Commissione europea che, in un rapporto pubblicato nell’aprile del 2021, ha affermato che sui nuovi OGM non sarebbe necessario applicare le leggi in vigore nell’Unione europea su tutti gli altri OGM.

Per decenni, agli agricoltori e ai cittadini è stato detto che gli Organismi geneticamente modificati sono la soluzione per combattere gli effetti del cambiamento climatico sull’agricoltura. Con le nuove tecniche di manipolazione genetica le sementi prodotte sarebbero sostenibili per l’ambiente e per la nostra salute. Eppure, sulle ricorrenti domande sull’effettiva sicurezza dei nuovi OGM, non sono arrivate risposte definitive dalla comunità scientifica.

Intanto le proteste delle associazioni ambientaliste e per l’agricoltura biologica e biodinamica ricordano a tutti che una vera transizione ecologica si ottiene offrendo supporto all’agricoltura contadina, promuovendo l’agricoltura biologica e favorendo l’agroecologia, l’economia circolare, la filiera corta e non cedendo alle pressioni delle multinazionali e delle grandi corporazioni agricole. Proprio queste infatti otterrebbero il controllo delle filiere agroalimentari grandi profitti dalla commercializzazione di varietà geneticamente modificate continuando a imporre, di fatto, i vecchi sistemi di produzione e distribuzione che hanno condotto alla crisi ambientale attuale.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button