Tipico dei paesi del Maghreb, in particolar modo del Marocco, il tè alla menta viene preparato facendo un infuso di tè verde Gunpowder e foglie di menta della varietà Spicata aggiungendo molto zucchero bianco. È la bevanda dell’ospitalità, rifiutarla è considerato un gesto scortese, ma è anche la bevanda che conclude il pasto. Viene servita seguendo una formula tradizionale e utilizzando un tipico corredo composto da vassoio e teiera cesellati, accompagnati da bicchierini di vetro decorati.

Il tè cinese della varietà Gunpowder arrivò in Marocco nella metà dell’Ottocento grazie agli inglesi e divenne molto popolare a seguito della chiusura dei porti del Baltico durante la guerra di Crimea. Questo fatto lasciò i mercanti inglesi con un eccesso di tè da vendere e iniziarono quindi a smerciarlo nei porti marocchini di Tangeri ed Essaouira. Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, divenne la bevanda più diffusa del paese.

Per preparare questo infuso è necessario riscaldare la teiera con dell’acqua calda. In seguito si aggiunge il tè (un paio di cucchiaini) che viene ripulito del suo gusto amaro mettendo una piccola quantità di acqua bollente da buttare dopo un minuto di infusione. Dopodiché si mette lo zucchero (almeno un paio di cucchiai) e la menta (una decina di foglie) e si riempie la teiera di acqua bollente che viene messa sul fuoco per un paio di minuti. Per servire la bevanda è necessario ossigenare l’infuso appoggiando il beccuccio della teiera sul bicchiere e riempiendolo sollevandolo in alto e poi in basso. Si serve infine il tè accompagnato da datteri, uvetta, fichi, mandorle e piccoli dolcetti.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.