L’abbassamento dei livelli di cannabinoidi nelle infiorescenze è spesso un tema critico per i coltivatori che si trovano a dover “regolarizzare” il proprio prodotto o a volerlo trattare per aprirsi ad altri mercati. Non sempre i livelli sono facilmente controllabili in quanto il contenuto di queste sostanze nella pianta varia in dipendenza di fattori non preventivabili come l’irraggiamento solare o i nutrimenti ricevuti.

Sul mercato il processo di degradazione porta alcuni rischi come l’eccessiva perdita di peso, la riduzione esagerata dei contenuti di THC, un cambiamento della pigmentazione dei bud e un processo di svolgimento spesso poco trasparente e pericoloso.
Una nuova tecnologia sembra però in grado di risolvere definitivamente queste preoccupazioni. Il funzionamento di questo macchinario si basa sul principio del lavaggio, ma il solvente utilizzato risulta più gentile sul fiore rispetto a quelli più comunemente utilizzati, butano e CO2 su tutti. Anche la dinamica del lavaggio stesso differisce dalla quella effettuata in colonna in quanto il materiale si trova tutto sullo stesso livello, garantendo in questo modo omogeneità di trattamento e di risultato. Il prodotto iniziale si deve attestare sotto l’1% di THC per poter assicurare di ottenere fiori sotto lo 0,2%.

La lavorazione conferisce al fiore un leggero schiarimento cromatico (vedi foto). Dopo il processo di degradazione è sempre consigliato sottoporre il materiale ad un intervento di ricondizionamento per conferire il giusto grado di umidità al fiore ed esaltare le originarie caratteristiche terpeniche. In arrivo sul mercato italiano questa tecnologia sarà a disposizione dei coltivatori che richiederanno il servizio sul territorio nazionale.

Per maggiori informazioni scrivete a internationalrelaed@gmail.com.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.