Detto così pare eccessivo, ma quello che di sicuro sappiamo è che questo nuovo enzima sarà un prezioso alleato per la salvaguardia del nostro pianeta.

Nato per caso, come spesso avviene nello sviluppo scientifico, l’enzima pare essere decisamente più performante di quelli già presenti in natura.

Partiamo con ordine nel comprendere questa scoperta: alcuni ricercatori della Portsmouth University e del National Renewable Energy Laboratory stavano analizzando la struttura di un enzima naturale, l’Ideonella Sakaiensis, rinvenuto nel complesso di riciclaggio di Sakai in Giappone. Il loro interesse era dovuto al fatto che questo microrganismo è in grado di digerire il polietilene tereftalato, ovvero la Pet impiegata per produrre bottiglie di plastica. Durante lo studio è successo però qualcosa di inaspettato: gli studiosi hanno inavvertitamente modificato la struttura di questo enzima scoprendo che la nuova versione, prodotta casualmente, era decisamente più efficiente di quella già presente in natura.

L’enzima creato, a differenza di quelli già conosciuti, può iniziare a distruggere le plastiche già dopo pochi giorni e sembrerebbe avere una resa almeno del 20% superiore rispetto a quello offerto da madre natura.

Questa fortuita quanto inaspettata scoperta è un evidente segnale che si possa procedere verso ulteriori sviluppi, riuscendo pian piano a trovare soluzioni sempre più efficaci contro l’innumerevole quantità di plastica scartata. L’obiettivo è ora quello di lavorare sull’enzima per renderlo ancora più potente e poterlo poi utilizzare a livello industriale e su vasta scala.

Sempre più gli Stati si stanno prodigando con l’intento di arginare questa problematica ormai divenuta insostenibile, sia attraverso leggi che tramite nuove regolamentazioni, ma pare chiaro che la ricerca scientifica così come il nostro buon senso debbano procedere a braccetto con essi.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.