dossi-lybra

I dossi sono un vero e proprio incubo per gli automobilisti, soprattutto per chi è abituato a tenere l’acceleratore a tavoletta e non riesce proprio a rassegnarsi all’idea di dover rallentare, a meno che non decida di dire addio agli ammortizzatori.

I dissuasori di velocità, fino a questo momento guardati con malcelata ostilità dai ritardatari cronici, ma particolarmente apprezzati dai pedoni, d’ora in poi, non rappresenteranno più soltanto una garanzia per la sicurezza, ma produrranno anche energia elettrica. No, non è una colossale bufala, né uno scherzo del solito buontempone di turno, ma una realtà resa possibile da un’intraprendente startup italiana, che grazie al dispositivo Lybra ha reso possibile l’utilizzo dell’energia prodotta dalle auto nel momento stesso in cui rallentano.

Lybra è simile a un dosso e può essere agevolmente collocato sull’asfalto, in prossimità di una corsia di decelerazione. Se il dispositivo fosse posizionato in aree dove circolano migliaia di automobili, ogni giorno potrebbe catturare una quantità di energia sufficiente per fornire energia a 40 abitazioni. I costi per l’installazione di questo sorprendente dispositivo cattura-energia potrebbero essere azzerati in breve tempo dal numero delle auto circolanti.

Inoltre, ci riempie di orgoglio il fatto che questo “gioiello” della tecnologia pulita sia stato realizzato a Paderno Dugnano nel cuore della Lombardia. Un successo tutto italiano che, ne siamo certi, presto raggiungerà molte strade in tutto il mondo.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.