CannabisIndustrialeRepressione

Udine: assolti dopo mesi di processo per coltivazione di canapa industriale

Udine: assolti dopo mesi di processo per coltivazione di canapa industriale
Liam e Patrick davanti al Tribunale

Vi abbiamo già raccontato mesi fa l’amara vicenda di due fratelli della provincia di Udine, i quali, avevano allestito una coltivazione di canapa industriale dopo l’approvazione della legge 242 che regolamenta la produzione di canapa e dei suoi derivati.

Conosciamo bene i fratelli Clauti, che si sono avvicinati al mondo del Cannabusiness proprio grazie alla nostra rivista, li abbiamo sempre incoraggiati e sostenuti durante questi otto mesi di calvario giudiziario.

Si conclude finalmente con un “assoluzione perché il fatto non costituisce reato” la vicenda che ha coinvolto i due ragazzi di 21 e 20 anni, che lo scorso mese di Settembre hanno visto piombare la Polizia nel campo antistante alla loro abitazione, sequestrando circa 200 piante e contestato ai due il reato di produzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, con tanto di appostamenti, correlati da foto, in un campo di mais adiacente.

Additati dalla stampa locale come i nuovi narcos del Friuli, i due ventenni hanno subito la gogna mediatica di rito subito dopo esser stati incriminati, seppure abbiano puntualizzato fin dal primo momento che si trattasse di cannabis sativa l., ovvero canapa legale certificata, gli inquirenti hanno comunque proceduto al sequestro.

Udine: assolti dopo mesi di processo per coltivazione di canapa industriale
Liam e Patrick al lavoro sul campo di canapa prima del sequestro

In fase processuale, dopo le analisi sulla cannabis sequestrata, per fortuna e come era logico il castello di carta delle accuse si è sgretolato. Liam e Patrick, difesi dall’avvocato Federico Plaino, si sono presentati in tribunale con tanto di pianta ornamentale di canapa ed un “joint” fatto con foglie di vite, del peso di 37 gr. circa, che stava a rappresentare una di quelle 1500 dosi medie di sostanza stupefacente contestatagli. La richiesta del PM Panzeri è stata di 4 mesi di reclusione, ma il gup Lazzàro ha deciso per l’assoluzione “perché il fatto non costituisce reato”.

«Siamo contentissimi che le cose siano finite così, eravamo sicuri di essere nel giusto», racconta Liam «Abbiamo subito un danno economico, ma soprattutto psicologico. Sentire il tuo nome associato a “reclusione” non fa piacere e per ora staremo lontani da questo settore. A breve apriremo un’altra attività, con un marchio di abbigliamento streetwear».

Questo a conferma di quanto la normativa vigente non sia ancora chiara e lasci troppo spazio alle interpretazioni fantasiose da parte di inquirenti e pubblici ministeri. Noi di DolceVita seguiamo e viviamo in prima persona le vicende che regolano il mercato del cannabusiness, con un occhio critico al settore, osservando e riportando le vicissitudini che coinvolgono in primis i giovani che si affacciano a questo settore. L’informazione è la nostra arma e siamo felici di poter raccontare finalmente una storia brutta ma almeno a lieto fine.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.