guerra-in-siriaUn antico proverbio africano dice che quando gli elefanti lottano, l’erba muore. E’ quanto accade,oramai da anni, in quell’orrendo mattatoio chiamato Siria.

Le notizie di questi giorni, con l’accelerazione degli avvenimenti imposta dal protagonismo di Putin, sciolgono e fugano ogni dubbio. In Siria non c’è una guerra civile. In Siria si affrontano le grandi potenze del mondo per interposta persona. Ognuna finanzia una sua banda di assassini, tutte hanno contribuito alla desertificazione e distruzione di un intero paese.

Il Pentagono accusa la Russia di bombardare postazioni di milizie armate ed addestrate dagli Stati Uniti. La Turchia denuncia sconfinamenti aerei russi nel suo territorio quando da anni non fa altro, con Israele, nei cieli siriani. I sauditi lamentano vittime civili a causa dei bombardamenti russi dimenticando i massacri e gli sgozzamenti delle bande da essa, e compari, finanziate.

Tutti bombardano e tutti uccidono, ognuno cercando di assicurare la vittoria alle milizie sponsorizzate.

In ballo c’è il controllo del Medioriente, delle rotte petrolifere, la guerra infinita tra le monarchie del Golfo ed il mondo sciita. Nel mezzo un paese una volta straordinariamente bello, ricco di storia e di cultura, culla di civiltà. Ed un popolo intero. Uomini, donne e bambini ostaggio della follia degli interessi in guerra.

Vien da ridere, o da piangere, pensando allo sciocchezza cinico e delirante di chi voleva e vuole barriere alla fuga di questa gente. Suonano macabre le affermazioni di chi voleva e vuole che i siriani restino lì e si battano per liberare la loro terra dalla guerra. Questa guerra non è la loro guerra. Contro chi dovrebbero battersi? Contro tutti noi?

Quella in corso in Siria è una nostra guerra, sulla loro pelle. L’evidente dimostrazione di un pianeta, senza controllo e leadership, che ha sacrificato un intero paese alla sua follia e che in questa follia rischia di precipitarci tutti pur di non fare l’unica cosa giusta. Trattare, costruire la pace. In Siria e nel mondo intero.

Tratto dalla pagina facebook di Silvestro Montanaro





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.