Cronache da dietro il cancello

Tu sei ciò che mangi

Tu sei ciò che mangi

Per quelli che come me che han passato i 50 anni, non è stato facile uniformarsi alla grande distribuzione ed alle regole che ne son derivate, in particolare a quelle relative alla “roba da mangiare”.

Nella città in cui sono nato (Cremona), il primo punto vendita del più grande propinatore planetario di hamburger (McDonald’s) ha dovuto chiudere per mancanza di clienti.
 Mio nonno Primo andava al mercato con il bus (che da noi si chiamava “radiale”) e tornava con un tacchino vivo nella borsa (sporta) al quale tirava il collo e toglieva le piume (penne) in cantina, la stessa cantina dove alcuni nostri vicini di casa pigiavano ancora l’uva che in ottobre spandeva l’odore del mosto nelle strade in cui noi, allora irrintracciabili quando lasciavamo le nostre abitazioni nelle case popolari di quartiere, giocavamo a pallone in campi delimitati da giubbotti e paletti di fortuna, fermandoci solo per fare merenda con un panino (bufèt) con pane burro e zucchero… Il burro non era garantito.

Ho voluto tracciare questo quadretto perché mi pare una foto che renda idea precisa di quanto sia cambiato il mondo da quando appartiene alle multinazionali del “food” e del “beverage”.
 Potrei raccontarvi anche delle malghe in montagna dove con mio zio e mio padre andavamo a prendere i formaggi che adesso è vietato produrre perché in contrasto con i protocolli igienici internazionali, per non parlare della “tara” che aveva addirittura i vermi (beghi) e che costituiva l’orgoglio di Maik (mio padre), discendente da una stirpe di formaggiai ambulanti.

Sono consapevole e convinto che molti di questi alimenti fossero davvero “velenosi”, seppure il loro consumo fosse una tradizione consolidata da secoli e credo che davvero avessero in alcuni casi una “carica batterica” capace di mitridatizzarci o di farci fuori, ma sono anche conscio del fatto che alle stesse multinazionali del “food&beverage” appartengano anche le maggioranze dei pacchetti azionari di banche, industri alimentari, di distribuzione, logistica, trasporti e quant’altro di tutto quell’universo da cui, come da un enorme tetta, tutti siamo in qualche modo costretti a nutrirci.

Lascio a voi, che se state leggendo Dolce Vita siete abbastanza intelligenti d’aver conservato lo spazio del dubbio, le considerazioni che conseguono alle quattro stronzate che anche questo numero del “nostro” (magazine preferito) mi ha dato l’onore di ospitare.

Tu sei ciò che mangi

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button