Ambiente e natura

Trump autorizza le trivelle al Polo Nord: a dare il colpo di grazia all’ambiente ci penserà l’ENI

Trump autorizza le trivelle al Polo Nord: a dare il colpo di grazia all'ambiente ci penserà l'ENIDopo gli anni di stop che erano stati voluti dall’ex presidente Barack Obama, Donald Trump ha assestato un nuovo colpo alla salvaguardia dell’ambiente ed alle residue speranze di rispettare gli accordi di Parigi contro il riscaldamento globale che mette a rischio il pianeta.

Il presidente Usa ha autorizzato la ripresa delle trivellazioni alla ricerca di petrolio e gas tra i ghiacci dell’Alaska, nonostante molti scienziati abbiano sottolineato come queste potrebbero rivelarsi letali per il già delicatissimo equilibrio dei ghiacciai, che si stanno sciogliendo a velocità ormai del tutto fuori controllo.

La prima multinazionale dell’energia a riportare le proprie trivelle tra ghiacci, orsi polari e trichechi sarà l’italiana Eni, società che ha nel Ministero del Tesoro, e quindi nello stato italiano, il proprio socio di maggioranza.

L’Eni – già additata dalla ricerca scientifica come una delle aziende più impattanti sul clima mondiale – potrebbe iniziare le prime perforazioni già il mese prossimo, prendendo come base un’isola artificiale di ghiaia a cinque chilometri dalla costa nord della regione.

La società italiana si conferma così sempre più compromessa nel campo delle trivellazioni più nocive a livello ambientale, visto che è anche socio di maggioranza (insieme alla compagnia pubblica norvegese Statoil) di una colossale opera di trivellazione nell’artico norvegese, dove una piattaforma lunga 320 metri e dal peso 64 mila tonnellate sta da anni perforando i ghiacci alla ricerca di gas e petrolio. Un’attività per la quale Eni si trova già al centro di una campagna di protesta da parte di Greenpeace.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.