La Corte Suprema Federale del Brasile (STF) ha ordinato al governo di Jair Bolsonaro di prendere “le misure necessarie” per proteggere le popolazioni indigene nei territori Yanomami e Mundurucu, negli Stati di Roraima, Pará, Amazonas e Mato Grosso. La decisione del giudice federale Luis Roberto Barroso risponde alla denuncia presentata lo scorso 19 giugno dall’Associazione dei Popoli Indigeni del Brasile (Apib), che ha chiesto l’allontanamento dei minatori illegali dai territori indigeni Yanomami e Mundurucu.

Le comunità Yanomami e Mundurucu nel territorio di Mundurucu, situato nello Stato del Pará e abitato da circa 12.000 indigeni, sono state vittime di attacchi sistematici da parte di minatori illegali, con armi e bombe, che hanno già causato la morte di almeno due bambini di etnia Yanomami.

La sentenza di Luis Roberto Barroso ha stabilito che il governo “adotti immediatamente tutte le misure necessarie per proteggere la vita, la salute e la sicurezza delle popolazioni indigene che popolano i territori indigeni Yanomami e Mundurucu”. Il magistrato ha stabilito una serie di procedure che devono essere seguite dalle autorità federali, al fine di garantire l’efficacia delle azioni di sicurezza.

Il 10 maggio l’Associazione Yanomami Hutukara (HAY) ha denunciato uno scontro con minatori illegali che avevano invaso la comunità di Palimiu, nello Stato di Roraima, con quattro minatori e un indigeno feriti da colpi di arma da fuoco.

Dal 2020 gli indigeni Yanomami mettono in guardia sulla situazione di estrema tensione nella loro riserva, la più grande del Brasile, con 96mila chilometri quadrati divisi tra gli Stati di Roraima e Amazonas.

Organizzazioni indigene e ambientaliste denunciano la presenza di circa 20mila minatori illegali nel territorio Yanomami e sostengono che essi sono uno dei principali fattori di contagio del coronavirus nelle comunità.

Fonte: Pressenza





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.