Lifestyle

Transizione ecologica: quali stati si stanno adoperando per davvero?

Transizione ecologica: quali stati si stanno adoperando per davvero?

Quali stati UE hanno contribuito maggiormente alla transizione ecologica? E qual è il ruolo dei recovery plan nazionali? Un nuovo progetto sviluppato da un gruppo di ricerca tedesco punta a rispondere a queste domande. Il Green Recovery Tracker calcola la contribuzione dei recovery plan nazionali, adottati dai singoli stati membri dell’Unione Europea, alla transizione ecologica, basando i propri dati su analisi svolte in collaborazione con esperti locali. Il progetto mira a promuovere l’importanza di una svolta green nei 27 paesi UE, una prospettiva che risponde alla sempre più sentita necessità di utilizzare i recovery plan, nazionali e non, per il raggiungimento di obiettivi non solo a breve termine ma soprattutto di portata più ampia. La transizione ecologica in particolare, insieme a quella informatica, è stata fin dall’inizio considerata una priorità dal Consiglio Europeo, i cui membri, nel luglio 2020, hanno optato per lo sviluppo di un piano di ripresa conforme a queste esigenze, piano di ripresa (Next Generation EU) che ammonta oggi a 750 miliardi di euro. Di questi, 672,5 miliardi rientrano nel cosiddetto Recovery and Resilience Facility (RRF), un fondo che offre sostegno finanziario per attenuare le conseguenze socioeconomiche della pandemia e per favorire lo sviluppo di un’economia più sostenibile.

La regolamentazione dell’RRF richiede che ogni stato sviluppi, con i fondi ottenuti, dei Recovery and Resilience Plans (RRP), accompagnati da ulteriori risorse domestiche, e che almeno il 37% degli RRP nazionali venga utilizzato per misure di transizione green, che non dovrà inoltre essere ostacolata dalle misure varate dai governi nazionali con il restante 63% dei fondi. Ma quali stati si sono attenuti realmente all’obiettivo?

In Italia, il piano nazionale, presentato dal governo Draghi il 27 aprile 2021, ammonta a 235 miliardi di euro, 191,5 dei quali proveniente dal RRF, 13 dal REACT EU fund e 30,6 da fondi complementari di fonte nazionale, ma, secondo il Green Recovery Tracker, il Bel Paese non si sarebbe nemmeno avvicinato alla percentuale del 37%. Tenendo in considerazione i fondi nazionali, quelli derivanti dall’RRF e quelli dal REACT EU, il recovery plan italiano ha infatti destinato alla transizione ecologica solo il 13% delle proprie spese, ben al di sotto dell’obiettivo fissato dall’Unione, e, delle restanti misure implementate, solo il 28% (pari a circa 67 miliardi di euro) potrebbe avere effetti sia positivi che negativi sulla transizione ecologica a seconda dei risultati dell’implementazioni delle misure direttamente destinate alla svolta green, un risultato ancora non sufficiente.

In Germania, il primo paese europeo a presentare un pacchetto nazionale di misure di ripresa di grandi dimensioni, l’attuale RRP ammonta a circa 140 miliardi di euro, contando i fondi dell’EU Recovery, RRF e risorse domestiche, una somma pari a circa il 4% del PIL. In riferimento al solo RRP, il governo di Berlino avrebbe destinato circa il 38% delle risorse a misure per la transizione ecologica, risultato che supera l’obiettivo del 37%, ma prendendo in considerazione anche le misure adottate dal primo pacchetto nazionale, risalente al 2020, la percentuale scende al 21%, mentre il 17% di tutte le misure varate dalla Germania rischia di avere effetti negativi relativamente alla svolta green richiesta dalla normativa RRF.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button