2014-10-21 04.26.43 pmCon Internet ci sono nati (o quasi), e ci fanno tutto, anche programmarsi un viaggio. Che si tratti del week-end nella capitale europea o del viatico post maturità, poco importa. Di fatto però, i ventenni, smanettoni o meno che siano, sono tra i più informati e furbi nel cogliere le occasioni a portata di mouse e nel dragare la rete alla ricerca di sconti o informazioni di nicchia. “Quando devo prenotare un volo, la prima cosa che faccio è cliccare su 2014-10-21 04.26.52 pmzingarate.com, un portale che raccoglie tutte le migliori offerte low cost” racconta Simone Mazzega, 27 anni, neolaureato in psicologia. “Una volta individuata l’offerta migliore, questo sito dà anche il link della linea aerea per fare direttamente la prenotazione”. Portali popolarissimi tra gli under 30 a caccia di voli a basso prezzo sono anche volagratis.com (che riunisce sia le compagnie low cost, sia le compagnie di bandiera) e govolo.it. “Quando sono andata a Londra, ho fatto la International student identity card sul sito isic.org. E’ una 2014-10-21 04.27.10 pmspecie di carta di identità internazionale che dà diritto a sconti su alberghi, musei, trasporti pubblici e treni, ma anche free drink nei locali o ingressi gratis in discoteca” svela Giulia Lavezzi, 21 anni, studentessa di architettura ambientale. “L’ho usata anche qualche settimana fa per andare a Berlino,perchè è valida in 120 Paesi. Dal loro sito, poi, si scoprono un sacco di info utili: nei giorni in cui ero a Berlino c’erano i Muse e i Massive Attack e sono riuscita a vedere due concerti in un fine settimana!”. E se per l’acquisto di biglietti di spettacoli si va soprattutto su ticketone.com , per cogliere le occasioni last minute si sbircia su seatwave.it, un outlet online di biglietti invenduti a prezzi stracciatissimi.

Già, ma un posto per dormire come si trova? “I motori di ricerca più affidabili per gli ostelli sono hostelsclub.com oppure hostelworld.com; ci ho girato quasi tutto il Nord Europa e mi sono trovato benissimo” dice Guido Nodali, 22 anni, studente in medicina. “Recentemente, però, per andare ad Amsterdam ho usato couchsurfing.org, un portale per lo scambio gratuito di posti letto “sul divano”. Mi hanno ospitato due ragazzi simpaticissimi. Tra qualche mese, a Roma, li ospiterò io”. Se si è un gruppetto di amici, però, la soluzione preferita è affittare un miniappartamento. “Sono stata a Parigi e in Grecia con homelidays.com, che offre case da privato a privato” dice Lisa Fedele, 21 anni, al secondo anno di lettere. “Se la richiesta viene dai ragazzi, qualche proprietario si irrigidisce un po’, ma li ho sempre fatti parlare con i miei genitori, per rassicurarli. Invece a New York, in agosto, ci sono andata per un mese con sublet.com, un sito per trovare appartamenti in subaffitto negli Usa, magari lasciati liberi da studenti universitari durante le vacanze estive”. Certo, c’è anche chi preferisce la soluzione tradizionale, ma con qualche astuzia. “Io vado su zoover.it, dove ci sono le recensioni degli alberghi di chi c’è stato veramente, e li confronto con quelli di tripadvisor.com. Delle guide ormai non mi fido più, sono meno aggiornate dei siti internet e sul web ci sono offerte migliori” afferma Giulia Monti, 25 anni, violoncellista. Ad apparire osbsolete, ormai, sono pure le tradizionali mappe cittadine cartacee.

Chi va in una capitale e possiede un iPhone, si scarica direttamente la guida della città sul telefonino, che serve non solo da fonte di notizie, ma anche da navigatore. “Su coolgorilla.com si trovano le guide de DK top10: ci sono diverse capitali, da Londra a Barcellona, da New York a Roma, Parigi, perfino Bangkok, e sono gratis” spiega Martina Caccia, 24 anni, stagista. “Se qui non si trova la città dove si è diretti, si può provare su unlike. net, che ha anche Shanghai, Ibiza, Copenaghen e molte altre. A Capodanno, invece, andrò a Praga in pullman con due amiche: abbiamo prenotato con bustravel.it, un tour operator online che offre viaggi in autubus per giovani dai 18 ai 35 anni”. Chi vuole andare in Asia, Africa o Sud America, può invece cliccare su shoestring.com, specializzato in viaggi lontani, tra cui anche alcuni equosolidali. Ma per la vita notturna? Per quelli, oltre al passaparola, per cui Facebook rimane imbattibile, ci sono i siti e i blog dei magazine locali per nottambuli: “Oltre all’infallibile timeout.com, su berlin030.de c’è tutto su feste, mostre, locali di Berlino, e lecool.com o ci sono i riferimenti per Londra e Barcellona” suggerisce Lorenzo Finazzi, 23 anni, grafico. “I biglietti scontati per i locali notturni d’Italia, ma anche qualcosa in Europa, si trovano su discoticket.it. Io ci ho fatto un quattro giorni da sballo ad Ibiza, e senza sorbirmi nemmeno una coda o una lista d’attesa”.

fonte: Io Donna art. di Lucia Corna

 





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.