La prima monoposto da corsa in canapa, un bolide in grado di sprigionare 600 cavalli di potenza, è nata da un progetto italiano. Parliamo di Torq GP, auto concepita dall’azienda ED Excellence Design di Torino fondata da Davide Pizzorno, che ha la carrozzeria realizzata in canapa al 75% e, tra i vari metodi di alimentazione, prevede anche un distillato di canapa.

Sulle orme della Hemp Body Car creata da Ford nel 1941, nasce dunque questo gioiello della tecnica che avrà prestazioni impensabili anche grazie allo scarso peso, 725 kg a secco, dovuto alla leggerezza dei materiali in canapa. Non solo, perché la sostenibilità della Torq GP parte direttamente dal motore di nuova concezione, un due tempi sovralimentato, che funziona senza olio grazie alle camere di combustione in ceramica e può essere alimentato da idrogeno, etanolo o distillato di canapa.

Il progetto dura da anni, visto che un’anteprima dell’auto era stata presentata al Salone di Ginevra del 2015, perché va oltre la singola macchina. L’idea è quella di creare un campionato, che dovrebbe partire in Italia nel 2022, fatto con auto dalla scocca in canapa e alimentate con questo sistema innovativo.

“Vogliamo iniziare nel 2022, con gare spettacolari, in cui nella prima metà si usa l’idrogeno come carburante, mente nella seconda uno degli altri due alternativi. Ma sarà il pubblico a scegliere online una settimana prima dell’inizio della gara” ha spiegato a La Stampa Thomas Bleiner, il responsabile dell’innovazione dell’azienda.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.