Csoa Gabrio - TorinoLa prima seduta del Consiglio Comunale dopo le ferie estive si è aperta con un consigliere della Lega Nord sospeso per essersi presentato sui banchi con un mega spinello di cartone. Una forma di protesta – a suo dire – per il diniego da parte della sindaca Chiara Appendino (Movimento 5 Stelle) di intervenire per parlare del sequestro di cannabis verificatosi nello storico centro sociale Gabrio poco dopo ferragosto. Un fatto che ha segnato l’estate torinese e che a quanto pare occuperà anche parte dell’autunno.

alcune delle piante sequestrate al Csoa Gabrio

alcune delle piante sequestrate al Csoa Gabrio

Lo scorso 18 agosto al Csoa Gabrio, centro sociale storicamente tra i più attivi nelle campagne antiproibizioniste, le forze dell’ordine inscenarono un vero e proprio blitz militare (cinque camionette, strade presidiate, agenti in tenuta antisommossa per fare irruzione sfondando le porte) per sequestrare un piccolo laboratorio per la produzione di marijuana, trovando una sessantina di piante, alcuni semi, tre serre artigianali con lampade e termoventilatori, un essiccatore e il materiale per la lavorazione e il confezionamento. Nessuna attività di spaccio ma una sorta di cannabis social club, rivendicato dagli stessi attivisti, due dei quali sono ora comunque indagati per violazione dell’art. 73 del dpr. 309 (produzione di stupefacenti ai fini di spaccio).

«Siamo consapevoli che praticare coerentemente l’antiproibizionismo significa disobbedire a leggi ingiuste così come sappiamo che tale pratica può portare ad affrontare forme di repressione come quella adottata questa mattina dal reparto mobile della questura di Torino con l’avallo della procura. Siamo d’altronde sicuri che l’autoproduzione sia l’unico sistema per scardinare il sistema delle narcomafie da un lato e del controllo sociale oscurantista dall’altro. L’autoproduzione è condivisione, non spaccio». Questo è ciò che hanno scritto gli attivisti nel comunicato diffuso dopo la retata.

Il consigliere leghista con il maxi spinello in Consiglio Comunale

Il consigliere leghista con il maxi spinello in Consiglio Comunale

Un comunicato che è stato condiviso non solo da molte associazioni antiproibizioniste ma anche da parte della stessa giunta del Movimento 5 Stelle, tra cui la consigliera Maura Paoli che sul proprio profilo Facebook ha pubblicato il comunicato aggiungendo la speranza che gli organi preposti alla sicurezza «collaborino per individuare le priorità di intervento per la nostra città». Sostanzialmente un modo indiretto per chiedere alle forze dell’ordine di concentrarsi sulla repressione di reati più seri.

In questo scenario si è inserito lo show in Consiglio comunale del leghista Fabrizio Ricca, il quale ha appunto sfoggiato un grande spinello di cartone provando a consegnarlo al sindaco prima di essere espulso dall’aula, accusando la Appendino e tutta la giunta 5 stelle di «difendere le piantagioni di marijuana dei centri sociali».

A prendere posizione sulla vicenda – questa volta in modo costruttivo – è stato anche il Forum Droghe, il quale ha fatto notare come la coltivazione diretta in uno spazio sociale serve innanzitutto a togliere spazio allo spaccio illegale e che la coltivazione di 60 piante sarebbe in linea con ciò che è consentito in Spagna ad un Cannabis social club con appena 12 iscritti. Invitando così politici e media ad abbassare il livello della polemica innescata e a riflettere sulla necessità di una legalizzazione dell’autocoltivazione.

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.