AntiproibizionismoHigh times

Torino, il buffet alla canapa in Consiglio comunale scatena un putiferio politico

buffet canapa torinoOrganizzare un rinfresco a base di prodotti alla canapa del tutto legali e privi di principio attivo in Italia rappresenta ancora una provocazione che grida la vendetta dei benpensanti. Se la sede del buffet è la sala ricevimenti di un Consiglio Comunale poi, apriti cielo: le reazioni tipo dei consiglieri del gruppo dei cosiddetti Moderati sono state le seguenti: “E’ una vergogna”, “Istigate comportamenti illegali”, e chi più ne ha più ne metta.

RINFRESCO CON TARTINE E TISANE ALLA CANAPA. Il tutto è andato in scena lunedì, quando nella “sala matrimoni” del Comune di Torino, è stato allestito il rinfresco organizzato dal consigliere Silvio Viale (radicale che siede tra i banchi del Pd) in collaborazione con il Coordiamento Unitario per la Legalizzazione della Canapa. Tartine, pizzette, tisane, birre ed anche cordami prodotti con la canapa sono stati offerti ai presenti. Un’iniziativa pensata per sensibilizzare il Consiglio sugli utilizzi industriali della canapa, alla quale hanno partecipato il consigliere Pd Luca Cassiani, quello del Movimento 5 stelle, Vittorio Bertola e il consigliere regionale di Sel Marco Grimaldi che ha depositato una proposta di legge sull’uso terapeutico della canapa. Poi sono arrivati anche i consiglieri di centro-destra, i quali hanno aspettato la seduta del Consiglio comunale che doveva iniziare subito dopo il buffet mattutino per scatenarsi.

IL CONSIGLIO COMUNALE SOSPESO PER EVITARE LA RISSA. il consigliere Maurizio Marrone (Fratelli d’Italia) è subito partito all’attacco contro “la vergogna” andata in scena e, forte anche della testimonianza del presidente della “Sala Matrimoni” che ha dichiarato che non sapeva dell’iniziativa, ha accusato Viale di organizzare iniziative illegali. In aula si è scenata una bagarre tale che il presidente dell’aula Porcino (centro-destra) dopo aver stigmatizzato anch’egli l’iniziativa di Viale, e dopo che lo stesso Viale ha iniziato ad accusare di “ignoranza” e “ipocrisia” il fronte proibizionista del Consiglio, ha addirittura sospeso la seduta del Consiglio per evitare che il clima degenerasse. La consigliera Chiappello (centro-destra) ne ha anche approfittato per rimediare un poco di visibilità mediatica, firmando un comunicato stampa nel quale ha parlato del buffet alla canapa come di un’iziativa “populista e superficiale che rischia di spingere i giovani all’emulazione di comportamenti illegali”.

E poco importa se in realtà tutti i prodotti presenti al rinfresco erano non solo legali, ma anche acquistabili in tanti negozi torinesi. Evidentemente, quando c’è di mezzo la canapa, l’importante è sparare nel mucchio.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.