Consumo Critico

Tomato Revolution: la filiera etica del pomodoro

Una delle più grandi vergogne del sistema gastronomico italiano riguarda lo sfruttamento dei lavoratori migranti nei campi in cui si coltivano i nostri pomodori. Da qui l’idea di Tomato Revolution, un progetto etico nato dalla passione per un’agricoltura che coltiva diritti e futuro, consolidando una filiera biologica, sostenibile, legale e trasparente del pomodoro.

L’obiettivo è quello di valorizzare i prodotti nati in Italia, su terreni liberi dalle mafie o a rischio di spopolamento e sfruttamento, realizzati grazie al lavoro di realtà impegnate nella lotta quotidiana al caporalato, nell’integrazione e responsabilità sociale. Sono tre le varietà di pomodoro coltivate con metodo biologico da tre cooperative – Rinascita (PA), Prima Bio (FG) e da Pietra di Scarto (FO) – e 60 piccoli produttori attivi in territori ad alto rischio di sfruttamento della manodopera. Insieme nel 2019 hanno prodotto circa 76mila vasetti di specialità enogastronomiche biologiche tra pelati, passate, salse e sughi poi vendute tramite Altromercato.

Vale la pena di ricordare che il Parlamento italiano ha varato una legge con l’intento di contrastare il caporalato. La legge 199 del 29 ottobre 2016 contiene norme e disposizioni “in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento del lavoro in agricoltura e di riallineamento retributivo nel settore agricolo”. Un impianto normativo decisamente avanzato, ma che tuttavia non sembra aver ancora cambiato lo stato delle cose.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.