Il calcio europeo ha una lunga e travagliata storia di razzismo e omofobia. Negli anni ’70 e ’80, ai giocatori di colore venivano rivolti dagli spalti i versi delle scimmie e dovevano sopportare le banane gettate sul campo durante la partita.

Col tempo le cose non sono andate migliorando più di tanto al punto che la FIFA, la federazione internazionale che governa gli sport del calcio, ha emanato un nuovo regolamento disciplinare per combattere il razzismo e la discriminazione sul campo e sugli spalti. Le nuove regole in vigore autorizzano l’arbitro ad interrompere la partita e a darla vinta a tavolino alla squadra vittima degli oltraggi della tifoseria.

Fra le ingiurie che verranno considerate discriminatorie sono indicate quelle rivolte a: «colore della pelle, origine etnica, geografica o sociale, il sesso, disabilità, orientamento sessuale, lingua, religione, opinioni politiche, la ricchezza, la nascita o altro status». Tale regolamento si applica alle competizioni ufficiali Fifa, quindi anche le qualificazioni per la Coppa del Mondo. Mentre non riguarda le competizioni organizzate dalle federazioni continentali come gli Europei che dipendono dalla Uefa.

Il nuovo codice disciplinare aumenta anche la penalità per i giocatori che si rendono responsabili di azioni razziste o discriminatorie sul campo, che d’ora in avanti potranno essere sospesi anche per dieci giornate.

La FIFA ritiene che la tolleranza zero possa avere un effetto positivo sul comportamento dei giocatori e i tifosi, anche se il vero cambiamento è quello interiorizzato e non imposto dall’alto. Nasce, in primis, dalla conoscenza e dall’educazione.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.