Per celebrare i 45 anni di attività i Third World hanno pubblicato il loro 22esimo album in studio. Si intitola “More Work To Be Done” ed è prodotto da Damian “Jr. Gong” Marley, una circostanza che sembra chiudere un cerchio. Infatti il primo tour dei Third World fu proprio con Bob Marley nel lontano 1975: «Noi lo chiamiamo nipote e questo nostro nipote è un’eccellenza. Oltre a essere un artista di livello mondiale, lui è un produttore, compositore e scrittore di testi straordinario e invitiamo con tutto il cuore gli amanti della musica ad ascoltare la magia creata da Gong e Third World insieme».

Fondati nel 1973, i Third World hanno trasformato il modo in cui la gente vive l’esperienza della musica reggae in tutto il mondo, aprendo la strada a questo genere con un ampio catalogo di singoli da classifica. Sono stati premiati e riconosciuti per il loro contributo musicale dalla National Black Arts e onorati con il Caribbean American Heritage Awards. I Third World hanno inoltre ricevuto la medaglia per la Pace dalle Nazioni Unite e ben 10 nomination ai Grammy.

“More Work To Be Done” segna il loro primo album in studio dopo la scomparsa nel 2014 del cantante e veterano William Clark, conosciuto come Bunny Rugs. Il disco riunisce suoni da ogni angolo del globo e vanta un’incredibile gamma di artisti – Chronixx, Tarrus Riley, Busy Signal, Pressure Busspipe, Tessanne Chin, oltre allo stesso Marley. Il cantante AJ Brown utilizza una voce fluida e potente che con l’accompagnamento delle armonie della band si sviluppa per l’intero album, mettendo in risalto il loro suono in ogni canzone. Con un sapore nuovo, “More Work To Be Done” spazia dal reggae tradizionale a quello più contemporaneo, dal lovers rock mescolato a ritmi jazz fino alla dancehall più incisiva con il basso alla guida. Un capolavoro di 11 brani che dimostra la coerenza, la crescita e la trasformazione di questi musicisti di assoluto talento.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.