img10

La Dancalia costituisce la parte settentrionale della depressione dell’Afar, nell’Etiopia orientale, con una superficie di circa 50.000 km2 di cui circa 10.000 km2 si trovano al di sotto del livello del mare. La Dancalia è una terra estrema caratterizzata da deserti di lava e da un enorme strato di rocce vulcaniche, conosciuto come la “Piana del Sale”, posto circa a 120 m al di sotto del livello del mare, che ricopre la parte centrale della depressione per circa 600 km2, con spessori stimati da 1000 a 3000 metri.

La Dancalia è una delle regioni più inospitali della terra ma dal fascino unico e magico.
Per avventurarsi in questo territorio è necessario essere in buona forma fisica ed essere pronti a ritrovarsi in territori surreali e impervi, infatti, questo viaggio richiede spirito di adattamento e sopportazione per qualche faticoso trasferimento che viene però ripagato dall’approfondimento culturale e dal contatto con la natura incontaminata e con culture antiche.

La Dancalia è un deserto di lava e sale, dove non piove praticamente mai e la temperatura nel periodo estivo raggiunge i 50° con record anche di 81°, l’acqua potabile proviene solo da pozzi profondissimi poiché i laghi sono tutti salmastri o salati. Viene allora da chiedersi come sia possibile che in tali condizioni possa sopravvivere una stentata vegetazione di acacie e una fauna composta da asini, cammelli, gazzelle, struzzi… ma soprattutto come facciano gli Afar, pastori nomadi che rimediano da vivere allevando animali e trasportando lastre di sale.

In Dancalia una delle meraviglie della natura è il parco nazionale del fiume Awash, con foreste, savane, canyon, cascate e una ricca fauna. Sempre nel parco nazionale si trova il lago Afrera, con acque verdi salate e che si trova 100 metri sotto il livello del mare, circondato da colate di basalti neri e da sorgenti termali.

img11

Si può in seguito raggiunge il vulcano Erta Ale, il più spettacolare di una serie di crateri attivi alti circa 600 metri, uno dei tre luoghi al Mondo nel quale è possibile ammirare a cielo aperto un lago di lava in perenne ebollizione a 1.200°C.

Continuando si raggiunge Assale, un “lago mobile” salato che si sposta con i venti, e il cratere vulcanico di Dallol, uno dei punti più caldi e bassi della terra (-116 metri), un universo minerale di sorgenti geyseriane che producono stupendi laghetti con minerali che generano colori psichedelici, e un intenso odore di zolfo. Il vulcano ha anche costruito una distesa di sassi dalle diverse forme e dimensioni e dai colori intensi, quasi a formare una città fantasma e fantastica di roccia.

Un viaggio come questo richiede sicuramente molta preparazione e organizzazione ma permette di sentirsi al centro della terra e provare emozioni che forse si proverebbero solo sulla luna!

G.R.

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.