«I nostri risultati suggeriscono che CBD e THC sono possibili farmaci contro il coronavirus umano che potrebbero essere utilizzati in combinazione o con altri farmaci per il trattamento del COVID-19 nei pazienti».

I ricercatori coreani provenienti da vari istituti l’hanno messo nero su bianco in un nuovo studio scientifico pubblicato sull’International Journal of Biologicacl Macromolecules.

Se l’obiettivo principale della ricerca è stato quello di stimare l’attività antivirale dei cannabinoidi (CBD) contro il coronavirus umano SARS-CoV-2, dopo i test in silico e in vitro i ricercatori hanno osservato che THC e CBD sono «molecole antivirali più potenti contro il SARS-CoV-2 dei farmaci di riferimento lopinavir, clorochin, e remdesivir».

Dei cinque cannabinoidi analizzati (THC, CBD, THCA, CBDA e CBN), il THC e CBD hanno mostrato una potente attività antivirale contro il virus. Tanto da far scrivere ai ricercatori che questo studio «dimostra le potenze antivirali del CBD e Δ9-THC contro il SARS-CoV-2» arrivando a dire che: «Si può concludere che questi composti sono molecole antivirali potenziali verso il SARS-CoV-2». Il meccanismo di efficacia è duplice: da una parte «bloccano la procedura di traduzione virale inibendo il SARS-CoV-2 Mpro» e dall’altra, come già evidenziato da diversi studi, «riducono anche i livelli di citochine pro-infiammatorie nelle cellule polmonari agendo come agonisti del recettore CB-2».

Nelle conclusioni gli studiosi spiegano che lo studio «stabilisce il quadro per la loro applicazione in studi clinici umani per il trattamento delle infezioni da coronavirus umano. Così, CBD e Δ9-THC possono essere utilizzati in combinazione o con altri farmaci per il trattamento dei pazienti affetti da COVID-19».

Sono ormai diversi gli studi scientifici, a livello internazionale, che hanno indagato la cannabis e i suoi componenti per arrivare alla conclusione che CBD, THC, estratti e terpeni, possono essere utilizzati, da soli o in sinergia con altri farmaci, come potenti antinfiammatori in grado di agire sui sintomi, anche gravi, del nuovo Coronavirus.

E questo studio conferma la doppia azione delle molecole della cannabis cha da una parte bloccano l’ingresso del virus nel corpo umano e dall’altra riducono la reazione infiammatoria dovuta al virus, facendo diminuire le tempeste di citochine e potenzialmente evitando la sindrome da distress respiratorio acuto. Ora, vista la mancanza di farmaci per trattare il virus, servirebbero studi su pazienti che vengano autorizzati in tempi brevi come successo per i vaccini o per altri farmaci.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.