CannabisIn evidenza

THC nel corpo: per quanto tempo si può rilevare?

Patente sospesa con un test positivo: la follia del nuovo codice della strada. Vediamo per quanto tempo è rintracciabile il THC nell'organismo

thc corpo saliva urine capielli sangue
Con la possibile approvazione del nuovo codice della strada “tolleranza zero”, proposto dal ministro dei Trasporti Matteo Salvini, sono sempre di più i consumatori che – giustamente – si domandano: “per quanto tempo il THC resta nell’organismo?”

Secondo le nuove norme infatti, riguardanti l’assunzione di stupefacenti (cannabis compresa) e la guida di un veicolo, non sarà più necessario provare l’alterazione vera e propria, ma basterà risultare positivi al test della saliva al momento del fermo per far scattare la sospensione della patente e la successiva revoca, con il divieto di conseguirla per tre anni.

Una legge che ha del surreale, in quanto, la positività non certifica lo stato di alterazione. E quindi la non idoneità a guidare. Se consumiamo della cannabis infatti, il THC potrebbe rimanere in circolo nell’organismo per un lasso di tempo prolungato, che va pochi giorni fino a svariate settimane.

Fatte le giuste considerazioni iniziali, spieghiamo velocemente per quanto è possibile rintracciare la cannabis nel corpo dall’ultima assunzione.

THC nel corpo: per quanto tempo si può rilevare?
▶︎ Questo articolo è offerto da STORMROCK

THC NELL’ORGANISMO: PER QUANTO TEMPO È RINTRACCIABILE?

Condotto nel 2001 su 52 volontari, uno studio ha rivelato che i tempi medi per eliminare il THC dall’organismo sono 18 giorni.

Ma non esiste una risposta univoca per tutti. Questi tempi infatti possono variare da persona a persona, in base alla forma fisica, il metabolismo, la dieta, le abitudini. Ma sopratutto, molto dipende dalla frequenza con cui assumiamo cannabis e dal test a cui ci andremmo a sottoporre.

THC NELLA SALIVA, NELLE URINE, NEL SANGUE E NEI CAPELLI: TUTTO CIÒ DA SAPERE

Saliva, urina, sangue e capelli. Sono questi i metodi di controllo utilizzati per rilevare le tracce di cannabis nell’organismo. Ognuno con la propria finestra di rilevamento: ossia il periodo in cui una persona può risultare positiva dall’ultimo utilizzo. Ma vediamoli con ordine.

SALIVA

Rapidi, economici e di solito preferiti dalle forze dell’ordine, i test salivari posso individuare i metaboliti del THC per circa 5 giorni nei consumatori di cannabis occasionali e fino a 29 giorni nei consumatori cronici.

URINE

Insieme a quello della saliva, le analisi delle urine sono di certo il drug test più utilizzato. Anche in questo caso però, i tempi di rilevamento variano in base alla frequenza di consumo.

E in particolare vanno dai 5-7 giorni per chi assume cannabis sporadicamente, spingendosi oltre i 30 giorni per chi la consuma quotidianamente.

SANGUE

La situazione cambia per le analisi del sangue. Questi test infatti, più costosi ma nettamente più precisi, non ricercano i metaboliti, ma il THC stesso.

Un punto a nostro favore, in quanto, entrato nel flusso sanguigno, questo cannabinoide viene scomposto dal fegato e convertito nei suoi metaboliti. Che invece si accumulano nei nostri tessuti adiposi, e vengono smaltiti molto più lentamente.

Tuttavia, è sempre la frequenza a fare la differenza. Infatti, se in un consumatore occasionale il THC viene rilevato nel sangue solo per pochi giorni, in un consumatore cronico (più volte al giorno) anche per 3-4 settimane.

CAPELLI

Abbiamo infine il più insidioso tra i test antidroga, quello del capello. Da una ciocca di soli 3-4 cm infatti, è possibile risalire a consumi fino a 90 giorni di distanza.

E tagliare i capelli non è la soluzione. Se questi non raggiungono almeno i 3 cm, il test verrà effettuato prelevando i peli ascellari o pubici, che crescendo più lentamente, permettono di trovare tracce di sostanza ancora più remote.



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio