La passione per il verde, la voglia di un giardino, il piacere di mangiare i propri pomodori. Quanti di noi, per passione o per lavoro, si stanno avvicinando a queste domande. Nulla di nuovo se non fosse che ad oggi un nuovo supporto entra in sostegno a tutte quelle persone che per un motivo o per l’altro vogliono dedicarsi alla cura del verde.

Chi si sarebbe mai sognato, decine di anni fa, che assieme alla vanga e al rastrello, avremmo usato anche il nostro smartphone? Ebbene sì, la tecnologia è in grado oggi da darci una mano e in modi diversi tra di loro. Perché a ben vedere, anche due mondi lontani, se ben gestiti possono essere di supporto l’uno all’altro. Il buon uso della tecnologia può, invece che allontanarci dalla natura, renderci ancora più vicini e sensibili ad essa.

Vi segnaliamo quindi 3 applicazioni utili nelle vostre piccole avventure green, con diversi apporti, ognuno utile a specifiche esigenze.

PLANTNET PLANT IDENTIFICATION
Anzitutto, prima ancora di procedere con la gestione del proprio spazio verde, viene da chiedersi: «Quali piante scegliere per il mio giardino?». Se è l’ispirazione ciò che cercate e se spesso vi capita, passeggiando qua e là, di rimanere ammaliati da particolari piante che non sapete riconoscere, Plantnet Plant Identification è l’applicazione che fa per voi. Lo strumento permette, una volta scattata la foto della pianta che vi ha incuriosito, di identificarla in modo automatico confrontandola con le immagini di un data base botanico e approfondire poi su link preimpostati che vi reindirizzano al web. Il numero di specie cresce con l’evolversi dei contributi al progetto ma, unico vincolo, non permette di riconoscere piante ornamentali o orticole.

GARDEN TAGS
Se cercate un app social ecco quella che fa al caso vostro! Garden Tags vi permette di condividere la vostra passione e il vostro lavoro con migliaia di altre persone. Il vantaggio? La possibilità di esplorare i luoghi verdi e segreti delle altre persone in modo da potervi ispirare ma anche con l’intento di dialogarci e scambiare così informazioni utili alla cura del giardino. Con Garden Tags potrete postare le vostre foto più belle e seguire i giardinieri che più hanno da insegnarvi. Potrete ricercare piante specifiche tramite hashtag ottenendo diverse informazioni che vi saranno di certo utili. L’app è in inglese ma l’uso risulta facile e intuitivo.

TOMAPPO – ORTO FACILE
Come potevamo dimenticarci degli amanti dell’orto? Tomappo ci aiuta a comprendere quando piantare e come coltivare. Ci consiglia “buoni” e “cattivi” vicini dei nostri ortaggi. Ci avvisa quando sta arrivando la luna migliore per seminare questo o quell’ortaggio e ci permette di impostare dei promemoria per evitare di dimenticare il lavoro utile alla buona cura del nostro spazio. L’applicazione permette inoltre di usufruire delle previsioni del tempo legate alla vostra zona di lavoro così come di prendere nota sul calendario in modo da far tesoro delle vostre precedenti attività. Inoltre, accedendo al sito tomappo.it, avrete la possibilità di utilizzare il pianificatore dell’orto, funzione che vi permetterà già d’inverno di pianificare il vostro orto, decidendo cosa, dove e quanto intendete piantare. Il pianificatore vi permetterà di costruire graficamente il vostro spazio aiutandovi nella più corretta disposizione degli ortaggi così come consegnandovi informazioni utili sulla distanza tra le piante. Potrete inoltre stimare la produzione sulla base della grandezza del vostro spazio.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.