Tea Time

Il tè turco, detto çay: una storia di sviluppo

tè turco çay
Molti conoscono il caffè turco, ma c’è un altro protagonista sulle tavole turche, il
çay. Il tè, presente sin dal VI secolo d.C, sale alla ribalta nel periodo successivo alla Prima Guerra Mondiale in quanto, con la caduta dell’Impero ottomano e la perdita dei territori del sud-est, il caffè divenne una merce d’importazione molto costosa. È in questo momento storico che il neonato governo turco iniziò a pensare alla coltivazione della pianta del tè. 

I primi tentativi risalgono al 1888 ma si dovrà attendere il 1918 per vedere le prime coltivazioni nei pressi di Rize, sulla costa orientale del mar Nero, attualmente maggior centro di produzione turco. Inizialmente la coltivazione non fu semplice, per la mancanza di conoscenze in merito alla coltivazione della pianta del tè, ma la Turchia decise di attivare molti investimenti per svilupparne la produzione, cosa che portò in breve tempo ad una trasformazione totale della regione del Mar Nero che, grazie ai nuovi profitti, poté permettersi scuole, strade, ospedali e infrastrutture. Ad oggi la Turchia è uno dei maggiori produttori e consumatori di tè prevalentemente nero.

Il tè turco viene preparato utilizzando due bollitori impilati, chiamati çaydanlık. L’acqua viene portata ad ebollizione nella caldaia più ampia inferiore e una parte dell’acqua contenuta viene utilizzata per riempire il bollitore piccolo superiore dove si mettono diversi cucchiai di foglie di tè sfuso. Una volta servito, l’acqua rimanente viene usata per diluire il tè secondo il proprio gusto.

Tutto il çay turco è tè nero; la tradizione vuole che sia molto zuccherato e accompagnato da dolci e salati. Viene offerto in piccoli bicchieri a forma di tulipano che si tengono dal bordo al fine di non scottarsi le dita.

A cura di Marta De Zolt
La passione per il tè l’accompagna sin dall’infanzia. Laureata in Economia e Gestione delle Arti e delle Attività Culturali, come libera professionista si occupa di promozione e organizzazione di eventi



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Cerca anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio