HipHop skillz

T.I. – Trouble Man: Heavy Is The Head (recensione)

T.I. - Trouble Man: Heavy Is The Head (recensione)You can call me trouble man.
T.I.P. torna disponibile dal 18 dicembre con il suo nuovo album Trouble Man: Heavy is the Head – un disco decisamente problematico e per certi aspetti prevedibile.
Il titolo è decisamente azzeccato, dato che nel curriculum di T.I. non sono poche le voci spuntate nella sezione della fedina penale. Stiamo parlando di un artista eccentrico e fiero che ha fatto della sua essenza street un marchio di fabbrica, che spesso traslata all’esterno della dimensione artistica gli ha causato non pochi problemi dentro e fuori di prigione.
The introduction apre il disco ed è un pezzo di qualità sopraffina grazie al solito e ben costruito flow dinamico di T.I. che si snoda senza troppe difficoltà sulla strumentale. Il disco sembra promettere molto bene, ma forse è meglio dare una visione più completa all’opera.

Only thing i’ve ever known, is walk on the Wildside – perfetto il featuring con un A$AP Rocky che in Wildside sembra venire dalla stessa famiglia di T.I. Ball è una bomba da lasciare esplodere, ha una strumentale che fa tutta la felicità di Lil Wayne che, bisogna dirlo, sulla base giusta ci sa veramente fare. Se ascolterete il pezzo in macchina, una mano si avvicinerà istintivamente verso il tasto per abbassare il finestrino mentre l’altra alzerà il volume.
Can you learn con R.Kelly ci porta indietro nel tempo, è un pezzo che ricorda molto quella track clamorosa che è stata Dead and Gone, ma bisogna assolutamente segnalare anche il featuring di una P!nk pazzesca che senza sbavature si sposa perfettamente al sound del pezzo Guns and Roses – pelle d’oca. Cee lo Green fa la sua ottima parte nell’atmosferica Hello, così come Akon nel più classico dei suoi ritornelli in Wonderful life.

Come avrete notato tutti i pezzi migliori del disco presentano il featuring di un pezzo grosso (aggiungendo i non ancora citati Andrè 3000 e Meek Mill) che assieme a T.I. danno vita a tracks di pregevole fattura. L’album si compone però di 16 tracce, e bisogna dirlo, quelle in cui T.I.P. compare solista hanno poco sapore. Strumentali sempre costellate di clap troppo secchi e campanelli gangsta che rendono i pezzi tutti troppo simili tra loro. In conclusione il disco è facilmente divisibile in due tronconi: il primo si compone dei pezzi che presentano tutti i megafeaturing, il secondo vede invece i pezzi solisti con quell’atmosfera esageratamente gangsta e poco originale da cui T.I. proprio non riesce a staccarsi (anche se penso i fan più accaniti apprezzeranno). Il disco è di qualità, non c’è dubbio, ma visto che T.I. è in grado di fare pezzi musicalmente e artisticamente notevoli, è un controsenso sentirlo ridursi nella banalità di alcune track. I brividi ci sono, nel bene e nel male. Da ascoltare in ogni caso.

————————————————————————————————————————————————

Mattia Polimeni



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio