Psiconauta

La Svizzera vuole legalizzare la cocaina?

Visto il fallimento del proibizionismo, la Svizzera vuole puntare sulla legalizzazione della cocaina. Un progetto che, se andasse in porto, si confermerebbe il primo al mondo

cocaina

Per far fronte al massiccio numero di persone che la consumano regolarmente, Berna, la capitale, è la prima città in Svizzera ad esaminare un progetto pilota per legalizzare la vendita di cocaina.

“La guerra alla droga è fallita e dobbiamo cercare nuove idee”, ha dichiarato Eva Chen, membro del consiglio comunale di Berna per la Sinistra Alternativa: il partito da cui è arrivata la proposta controcorrente. I motivi?

L’utilizzo di cocaina in Svizzera è elevatissimo. Infatti Zurigo, Basilea e Ginevra sfilano tra le prime 10 città in Europa per il maggior consumo. E, mentre l’uso continua a salire, i prezzi sono dimezzati negli ultimi 5 anni, secondo l’organizzazione non governativa Addiction Switzerland.

“In questo momento in Svizzera abbiamo molta cocaina, ai prezzi più bassi e alla qualità più alta che abbiamo mai visto – ha affermato Frank Zobel, vicedirettore di Addiction Switzerland – Al giorno d’oggi una dose di cocaina costa circa 10 franchi, non molto di più del prezzo di una birra”.

COCAINA IN SVIZZERA: UN PIANO PER LEGALIZZARLA

“Siamo ancora molto lontani da una potenziale legalizzazione, ma è il momento di considerare nuovi approcci – ha dichiarato Chen – Ecco perché chiediamo una sperimentazione supervisionata scientificamente”.

E, sebbene sia ancora troppo presto per dire come si svilupperà un ipotetico progetto pilota, che ridurrebbe anche il traffico illecito, Chen ha confermato che qualsiasi approccio sarà accompagnato da rigorosi controlli di qualità e campagne d’informazione.

Gli esperti impegnati nella discussione però sono divisi e anche quelli favorevoli non sono convinti del tutto, perché preoccupati dai potenziali pericoli. “La cocaina è una delle sostanze che crea maggiore dipendenza”, afferma Boris Quednow del Centro di ricerca psichiatrica dell’Università di Zurigo.

Thilo Beck invece, dell’Arud Zentrum for Addiction Medicine: uno dei principali istituti di medicina delle dipendenze in Svizzera, crede sia necessario adottare una politica più “adulta”.

“La cocaina non è salutare, ma la realtà è che le persone la usano – ha evidenziato Beck – Non possiamo cambiare la situazione, quindi dovremmo cercare di garantire che le persone la utilizzino nel modo più sicuro e meno dannoso”.

Tuttavia però, il primo passo per avviare un provvedimento simile deve essere compiuto dal Parlamento, che dovrebbe modificare la legge che vieta il consumo ricreativo della sostanza. Mossa che potrebbe arrivare in alcuni anni o prima, se la sperimentazione sulla cannabis attualmente in vigore nello Stato dovrebbe mostrare effetti positivi.

LA LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS IN SVIZZERA VA A GONFIE VELE

Se la vendita di cocaina deve essere ancora discussa, la legalizzazione sperimentale della cannabis in Svizzera è già realtà. Il progetto, già attivo a Basilea, Zurigo e Losanna, si allargherà prossimamente anche a Berna, Lucerna e Bienne. Con Ginevra che ha annunciato che si accoderà al più presto.

Le ultime novità però arrivano dal cantone di Basilea-Campagna, ad Allschwil, dove la cannabis verrà distribuita dal primo dispensario d’Europa, aperto appositamente per servire le 4mila persone che parteciperanno all’iniziativa.



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio