Il Consiglio nazionale svizzero ha dato il via ad una forma sperimentale di legalizzazione della cannabis. Con 113 voti contro 81, infatti, è stata modificata la legge sugli stupefacenti per permettere una sperimentazione pilota di distribuzione di cannabis ad uso ricreativo per i maggiorenni.

Secondo la stampa elvetica ad oggi sono circa 200mila i cittadini svizzeri che, nonostante il divieto, consumano abitualmente cannabis con THC superiore all’1% (che è il limite per la canapa industriale nel Paese). E’ quindi la scelta è stata presa per combattere il mercato nero, i cui prodotti non sono controllati.

Il progetto prevede dei test pilota limitati nel tempo, che dureranno al massimo cinque anni prorogabili una sola volta per due anni. I partecipanti potranno acquistare soltanto una quantità limitata (10 grammi) di cannabis al mese, che non potranno cedere a terzi o consumare in luoghi pubblici.

Secondo Michel Matter (PVL/GE), “Coloro che sostengono il progetto puntano sulla salute e la sicurezza, mentre chi si oppone sostiene il mercato nero”.

Una delle condizioni poste dal Consiglio federale è che venga utilizzata cannabis biologica prodotta in Svizzera, per fare in modo che la sperimentazione avvantaggi gli agricoltori locali.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.