Terapeutica

Nuovo studio: il CBD aiuta a ridurre i sintomi dell’Alzheimer

Secondo uno studio pubblicato recentemente sul Journal of Alzheimer’s Disease, un ciclo di due settimane di alte dosi di CBD può ripristinare la funzione di due diverse proteine, ​fondamentali per ridurre gli effetti della malattia di Alzheimer.

L’Alzheimer denominato familiare è una versione ereditaria della malattia in cui i sintomi iniziano a manifestarsi nelle persone tra i 30 e i 40 anni, in due o più persone appartenenti allo stesso nucleo familiare. Circa il 10-15% dei pazienti soffre della versione ereditaria.

Il dottor Babak Baban, immunologo e decano associato per la ricerca presso l’Augusta Georgia Dental College of Georgia della Georgia, ha spiegato in un comunicato stampa che il CBD ha ridotto i livelli della proteina IL-6, che è associata agli alti livelli di infiammazione riscontrati nell’Alzheimer. Il cannabinoide ha anche migliorato la cognizione nei modelli utilizzati nello studio.

Nello studio effettuato su cavie animali i ricercatori hanno scoperto che il CBD sembrava normalizzare i livelli di IL-33 e TREM2, aumentati rispettivamente di sette e dieci volte. Quando entrambe le proteine ​​sono basse, è una chiara indicazione della malattia, hanno affermato i ricercatori. È la prima volta che si scopre che il CBD normalizza questi livelli.

Secondo i ricercatori, i passaggi successivi includono la determinazione delle dosi ottimali, la somministrazione di CBD nelle prime fasi del processo della malattia e il passaggio a potenziali studi clinici. Stanno anche esplorando sistemi di somministrazione che includono l’uso di un inalatore che potrebbe aiutare a fornire il CBD più direttamente al cervello.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.