Un recente studio sui trattamenti per la colite ulcerosa ha rilevato che il 90% dei pazienti che usufruivano di cannabis medica, ha riportato una diminuzione del dolore allo stomaco dopo che i farmaci convenzionali avevano fallito.

Lo studio, che includeva 32 partecipanti, ha rilevato che il 62% degli intervistati ha visto un miglioramento dell’attività intestinale; Il 54% ha visto una diminuzione della gravità della propria malattia; e il 27% ha riportato un aumento della “qualità della vita” rispetto al gruppo placebo.

Secondo un articolo del Jerusalem Post, i farmaci usati solitamente per trattare questa condizione sono efficaci per il 50% -60% dei pazienti.  Questi farmaci inoltre non sono efficaci a lungo termine e il loro utilizzo prolungato, può indurre gravi effetti collaterali.

Lihi Bar-Lev Schleider, capo della ricerca e sviluppo di Tikun Olam, la società israeliana di cannabis medica finanziatrice dello studio, ha sottolineato che 17 dei pazienti hanno riportato risultati positivi per un anno in più e “hanno riscontrato che i loro punteggi endoscopici diminuiscono drasticamente nel tempo”.

La colite ulcerosa è una condizione cronica, infiammatoria, del colon paragonabile alla malattia di Crohn, che danneggia drasticamente la qualità della vita, non ha né un’origine certa, né una cura definitiva ma la cannabis fornisce ai pazienti affetti da questa patologia una riduzione del dolore e della nausea e un aumento dell’appetito.

Già uno studio del 2018 ha rilevato che un regime di olio di cannabis ha apportato un miglioramento significativo ai sintomi della malattia di Crohn, e ancora prima, nel 2014, Nature Reviews riporta un articolo nel quale viene sottolineato come l’uso di cannabis sia molto comune nei pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali, e come questa abitudine sia correlata ad una diminuzione dei sintomi e ad un miglioramento generale della qualità della vita.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.