cannabis sequestri carabinieri riminiLo scorso 29 settembre i carabinieri di Rimini avevano arrestato uno studente 20enne di chimica che, all’interno della propria abitazione, aveva realizzato una serra artigianale all’interno della quale coltivava 13 piante di marijuana.

Oltre alle piante, alte 170 cm circa, i militari dell’Arma avevano trovato anche 160 grammi di cannabis, in parte già divise in involucri più piccoli.

Il 20enne al processo aveva patteggiato una condanna a 1 anno e 6 mesi (con sospensione della pena) e una multa di tremila euro. Pareva l’epilogo della vicenda ma pochi giorni dopo è arrivata la sorpresa da parte della Procura di Rimini: anche i genitori del ragazzo, di 51 e 53 anni, sono stati denunciati per detenzione e spaccio di stupefacenti. Ma a carico loro (secondo quando riportato dal quotidiano Rimini Today) non vi sarebbe alcun materiale indiziario ma sarebbero stati denunciati solo perché “non potevano non sapere dell’hobby del figlio e quindi dovevano essere complici nella coltivazione della marijuana”.

“Se fosse vera la notizia ci troveremmo dinanzi semplicemente ad un assurdo sul piano giuridico – ha commentato tramite tramite la pagine Stupefacenti e Diritto l’avvocato Carlo Alberto Zaina – si tratterebbe infatti di connivenza non punibile. La conoscenza della condotta illecita del congiunto convivente, senza che intervenga alcuna forma di agevolazione od istigazione a che la stessa si esplichi in modo pieno e perfetto, non costituisce reato.

Secondo l’avvocato “essere al corrente della commissione di un illecito, non significa partecipare o concorrere al perfezionamento dello stesso, quando si è privi di una qualifichi di carattere pubblico che comporti l’obbligo di intervenire per prevenire o reprimere. Solo se i famigliari fossero pubblici ufficiali appartenenti alle forze dell’ordine allora sussisterebbe un concorso nel fatto illecito dell’agente. Questi sono i canoni giurisprudenziali classici”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.